Klopp si inchina davanti a Sacchi: “Mi ispiro al tuo Milan”. Ecco quando la storia bussa due volte…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

KloppEsiste qualcosa di meno scientifico del calcio? Probabilmente la risposta è no. E’ uno sport capace di farti vagare nel tempo a suon di ricordi, immagini e fotogrammi di momenti che saranno per sempre incisi nella sua storia. Come la foto di Sacchi e Baresi con in mano la Coppa Intercontinentale vinta nell”89: un brivido corre lungo la schiena di ogni tifoso rossonero quando appare. E anche una squadra come il Borussia Dortmund, dopo ieri sera, può essere entrata definitivamente nella storia: Real Madrid agguantato nella morsa dei tedeschi e decima finale sfumata. Ma a fine partita ecco la vittoria più bella.

Tutta l’Europa è ai piedi del calcio tedesco. Con gli stadi nuovi, con una mentalità nuova, con una filosofia di gioco nuova. Non del tutto però. Ed è proprio dalle parole di Jurgen Klopp, allenatore dei folletti gialloneri capaci di mettere al tappeto i grandi blancos, che esce tutta la verità sullo stile di gioco di questa squadra: “Sapevamo che se Arrigo Sacchi può fare quello che ha fatto con Maldini, Baresi, Albertini e tutti gli altri, allora noi possiamo fare lo stesso, magari non così bene, ma la disciplina tattica, se lo può fare lui possiamo farlo anche noi. Quindi la mia squadra è al 100% la squadra di Arrigo Sacchi”Una dichiarazione emozionante e toccante quella di Klopp, che davanti alle telecamere di Mediaset Premium ha voluto rendere omaggio al grande tecnico italiano anche con un applauso. Signore sul e fuori dal campo.

Occhi lucidi, sorriso a trentadue denti e cuore che gli batte a mille: la serata di ieri per Borussia e il suo allenatore è stata ad alta intensità nervosa. C’erano da difendere i quattro gol di Lewandowski dell’andata, che per movenze e fiuto del gol ha ricordato (con i dovuti paragoni) un certo Marco van Basten. Alle sue spalle, il trio meraviglia messo tutto in piedi da Klopp, formato da Reus-Gotze-Błaszczykowski (24 anni di media, ndr), ricalca in toto il triangolo Rijkaard-Evani-Gullit dell’era sacchiana. A far legna, nel Borussia di Klopp come nel Milan di Sacchi, due mastini: Gundogan e Bender da una parte, Ancelotti e Colombo dall’altra. Difesa a quattro: Tassotti-Piszczek, Subotic-Hummels come Baresi-Costacurta e Maldini-Schmelzer sulla sinistra. Andarci piano e d’obbligo, ma le premesse ci sono tutte.

Sicuramente sarà prematuro, sicuramente potrà sembrare blasfemo, sicuramente a qualche tifoso rossonero potrà far strorcere il naso: ma quando la storia bussa per la seconda volta alla porta, non aprire potrebbe farci risultare scortesi. Barcellona o Bayern Monaco per questo Borussia non farà differenza: la “benedizione” di Sacchi c’è stata, adesso tocca alla storia. E difficilmente si sbaglia.

Twitter: @SBasil_10