Sei qui: Home » Copertina » Ultimi spunti prima del playoff: Niang si “ricandida”, dubbio Monto-De Jong e quell’intesa…

Ultimi spunti prima del playoff: Niang si “ricandida”, dubbio Monto-De Jong e quell’intesa…

Arianna Sironi è nello staff di SpazioMilan.it dalla sua nascita, l’8 marzo 2011, ed è una delle prime firme del sito. Conduce con il vicedirettore Daniele Mariani “Milan Time”, un’ora di notizie rossonere nel palinsesto pomeridiano di Radio Milan Inter (96.1 FM e canale 288 del DTT).

A. Sironi - Coordinatrice SpazioMilan.it
A. Sironi – Coordinatrice SpazioMilan.it

Ljajic lo farebbe fuori, almeno temporaneamente, e lui dopo un’astinenza che durava dal 13 dicembre, risponde con la cattiveria e il gol giusti, probabilmente anche al momento giusto. M’Baye Niang contro i Los Angeles Galaxy ha tirato fuori dal cilindro una perla importante per fiducia e futuro. Durante l’esultanza, parafrasando il suo dito sulla bocca ho letto qualcosa come: “Zitti tutti, avete visto cosa so fare?”. I compagni, con Balotelli ed El Shaarawy in testa, tifano tutti quanti per il classe ’94 che nella scorsa stagione ha impressionato per forza fisica, e allora perché privarsene? Certo, il talento della Fiorentina, con qualche anno in più alle spalle, sarebbe più pronto, ma sta costando a Galliani tanto, forse troppo e per ora senza risultati. Visto poi che, per volere presidenziale, verrà adottato il modulo a due punte, sarà così contento il focoso serbo di lasciare l’interessante progetto Viola, per fare panchina in rossonero? Ieri comunque ha parlato la rasoiata deliziosa di Niang.

LEGGI ANCHE:  Niente Botman, il Milan cerca un altro difensore in Serie A: costa 15 milioni

Oltre alla vena del francese l’ultima gara made in America mette in evidenza un altro dilemma che riguarda capitan Montolivo. Splendido, illuminato e illuminate, ma soprattutto davanti alla difesa, ovvero nel ruolo che ormai è stato costruito per il ritrovato De Jong. Dovrà essere bravo Allegri a trovare i meccanismi giusti, visto che la sensazione che Ricky si trovi meglio in posizione centrale rispetto ad una zona più defilata (dove trova meno geometrie) c’è e resta forte anche dopo ieri.

Le grandi prove di intesa poi sembrano quasi finite: Balotelli ed El Shaarawy si vogliono, si cercano e si trovano ormai spessissimo. Tra i due non c’è gelosia, ma amicizia e voglia di fare bene insieme. Al “Sun Life Stadium” i movimenti erano in sincro, tanto è vero che almeno un paio di volte Mario ha messo il Faraone davanti al portiere, sfruttando i suoi canoninici tagli partendo da sinistra.

Una nota poi sul modulo che ieri non ha avuto trequartisti, con un Boateng poco incisivo e un Saponara ai box, le scuse sono buone per restare sul 4-3-3. Ma durante i preliminari, senza fuso orario, sarà difficile “rischiare” di ribellarsi…

Twitter: @arisiro92