Sei qui: Home » Copertina » Mario, Verona ti ha rispettato. Ma tu, invece, dov’eri? E mercoledì…

Mario, Verona ti ha rispettato. Ma tu, invece, dov’eri? E mercoledì…

Montolivo BaloTante polemiche, tante parole, tanti botta e risposta al vetriolo: il pre partita di Verona-Milan rischia di essere ricordato come tra i più caldi degli ultimi anni. Protagonista assoluto, come tutti noi ben sappiamo, è stato Mario Balotelli, che con i tifosi scaligeri, si sa, proprio un bel rapporto non l’ha mai avuto. E invece, alla fine dei conti, il pubblico di Verona di problemi non ne ha creati. Tanta ironia, ma mai momenti di tensione o alcun episodio sfociato nel razzismo: giusto e doveroso prenderne atto, soprattutto dopo una settimana in cui tutti ci eravamo dimostrati piuttosto scettici riguardo al loro comportamento.

La cornice di pubblico assolutamente civile e rispettosa, però, non è bastata per liberare la testa di Mario da mille pensieri e polemiche ingiustificate. Troppi battibecchi con l’arbitro, troppa insofferenza, poche giocate pesanti: il Balotelli di cui ha bisogno il Milan non può essere tutto qui. Perché per essere davvero grande non basta partire bene, non basta neanche liberare Poli davanti alla porta.

LEGGI ANCHE:  De Ketelaere, contatti continui con l'entourage: succederà settimana prossima!

A questo Milan così vulnerabile e ancora in costruzione serve un Mario a tutto tondo, più continuo, capace di caricarsi in spalla la squadra nei momenti di difficoltà. Troppe volte, infatti, lui e i compagni di reparto hanno lasciato il fragile centrocampo milanista in balia delle ripartenze gialloblu, sempre più sistematiche e pericolose col passare dei minuti. Adesso è arrivato il momento di lasciar perdere polemiche con arbitri, tifosi o quant’altro e tornare a fare il Mario Balotelli. Possibilmente già da mercoledì sera.