Mexes e Zapata, la coppia grande ma troppo spesso sottovalutata

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Lino Dimitri è giornalista pubblicista dal 2012. Redattore di SpazioMilan.it dal settembre 2011: è sua la firma nell’editoriale del sabato. Lavora nella redazione di LecceNews24.it occupandosi di cronaca, politica, eventi e sport. In passato ha collaborato con Bordocampo.net e Sportmain.it.

L. Dimitri - Redattore SpazioMilan.it
L. Dimitri – Redattore SpazioMilan.it

In questi giorni si parla di calciomercato, di trattative, di scoop. Si è parlato tanto di difese. Quella del Milan, agli occhi della critica, è sempre così tanto bistrattata. Non bastano i nove gol su azione subiti nel girone di ritorno per far cambiare idea, non bastano le tante buone prove contro squadre di ottimo livello per lasciare il segno. Mexes-Zapata è una coppia discussa, non ritenuta all’altezza ma che di certo quando ha potuto giocare senza problemi non ha mai lasciato a desiderare.

Certamente quando si parla di difesa il tifoso un po’ viziato tende a ricordare Nesta, Stam, Maldini, Baresi, Thiago Silva. Ma ora certa gente non c’è più, ma in Italia chi è rimasto? Barzagli è il massimo interprete, eppure nel mondiale del 2006 faceva la riserva a Materazzi. E poi? Raul Albiol è sempre stata una riserva nel Real Madrid di Mourinho che certo non brillava per solidità della terza linea. Siamo di fronte ad un campionato che avrà bisogno di conferme ma che di certo non vive di sicurezze per quel che riguarda l’assetto difensivo delle pretendenti al titolo finale.

Si potrà discutere sulla solidità e le certezze che possono dare alcune alternative (come Silvestre, Bonera e Zaccardo), ma messi in condizioni di potersi esprimere al meglio, Mexes e Zapata non hanno nulla da invidiare al resto delle retroguardie nostrane. Con un De Jong schierato al centro del settore nevralgico del campo, c’è un importante schermo davanti alla difesa fatto apposta per proteggerla. Ora, tutti noi saremmo contenti se il mercato ci regalasse qualcosa, ma guardandoci intorno, i nostri due centrali non hanno nulla da invidiare al resto della compagnia-