Il primato triste di Sheva: eletto peggior acquisto di sempre della Premier League

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

maglia centenario shevchenkoC’è chi lo ha rimosso dalla propria mente, chi lo ha dimenticato, chi lo ricorda con rabbia, chi con tristezza, e poi c’è lui, il protagonista, Andriy Shevchenko, che non lo ammetterà mai ma, se potesse tornare a quel 26 maggio del 2006, tra “i due fuochi” che lo stringevano sceglierebbe il Milan. Invece, come molti grandi campioni, si è lasciato ammaliare dalla tentazione di conquistare palcoscenici nuovi, e ha ceduto, dopo tanto corteggiamento, alle lusinghe del Chelsea di Roman Abramovich.

Inutile ripercorrere la sua storia, tanto straordinaria al Milan quanto anomala in Inghilterra, a questo ci hanno già pensato i giornali, tante, troppe volte. Eppure, Oltremanica, continuano a parlare di Sheva e del suo flop londinese, tanto da metterlo in cima alla classifica dei 5 peggiori acquisti della Premier League, come ha fatto il portale givemesport.com. 

Nelle motivazioni si legge che in campionato, nella sua prima stagione a Stamford Bridge, Shevchenko ha segnato solo 4 gol, e in quello successivo 5, prima di essere mandato in prestito al Milan, dove in 26 partite ha siglato appena 2 reti. Il sito inglese continua ricordando che Shevchenko occupa il terzo posto nella graduatoria dei marcatori delle competizioni UEFA per club di tutti i tempi: con 67 gol è preceduto solo da Filippo Inzaghi e Raul. Quindi, conclude, il suo fallimento al Chelsea resta un vero e proprio mistero. A completare la Flop 5,  Steve Marlet, Juan Sebastian Veron, Massimo Taibi e, infine, Albert Luque.

Per Sheva, quindi, un primato triste e ormai impossibile da riscattare. La sua carriera da calciatore è terminata, con successi incredibili ma con questa enorme macchia scura. A noi (e a lui) resta un’unica domanda: come sarebbe andata se fosse rimasto al Milan?