Galliani: “Balotelli-Matri come Inzaghi-Sheva? Speriamo. Kakà non è morto, su Pato niente da dire. Birsa? A volte il destino…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

montolivo galliani el shaarawy premio gentleman (spaziomilan)Nel corso del consueto pranzo UEFA che precede ogni sfida europea, le dirigenze di Milan e Celtic si sono incontrate presso il ristorante “Giannino” di Milano.

Presente per i rossonerto l’ad Adriano Galliani, che ha parlato alla stampa a poche ore dal fischio d’inizio.

La squadra sta bene, l’ambiente è sereno. E’ bello vedere con noi anche i ragazzi più giovani. Siamo il girone con più Champions vinte. Nelle ultime 3 stagioni abbiamo incontrato il Barça 8 volte, stesso numero del Celtic nelle ultime 9 stagioni. Diciamo che abbiamo dei clienti fissi. Matri? Ho rivisto i suoi gol contro il Celtic, speriamo che siano di buon auspicio. Il Milan europeo? Abbiamo questo marchio. E’ la quinta Champions consecutiva, con tutto quello che è successo è un risultato straordinario. Al di là delle 7 vittorie ci sono altre 4 finali, qualcosa vorrà pur dire. Rammarico per gli infortuni? E’ così, ma giocheremo comunque in 11. Non mi piace attaccarmi agli infortuni. Balotelli? E’ fantastico, è felice. L’essere arrivato nella sua squadra del cuore lo fa rendere meglio fuori e dentro il campo. Balotelli-Matri come Shevchenko-Inzaghi? Mi auguro anche di più. Le polemiche con Torino e Fiorentina? Parliamo d’altro, parliamo di quelli che giocano in Champions. Pato? Gli voglio bene, non so rispondergli. Fino al 2010 non ha avuto infortuni, i medici e i preparatori erano gli stessi di oggi. Non sono un medico, quindi non posso rispondergli, posso solo dire che per 2 anni e mezzo non ha avuto infortuni. Kakà? Si sta riprendendo, ma non è mica morto… Ha un infortunio da cui rientrerà nei tempi dovuti. È solo una lesione muscolare. Birsa? Ieri ridevamo con Preziosi, siamo due maghi del mercato. Noi cediamo Antonini al Genoa e fa gol nel derby, loro ci vendono Birsa e gioca titolare in Champions. Ci siamo fatti i complimenti a vicenda. Sembrava un piccolo scambio, ma è diventato molto importante“.