Senza Kakà, l’unica vera alternativa è un altro Riccardo