Pancaro: “Difesa priva di alternative valide. De Sciglio predestinato. E su Kakà…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

pancaro 2Allegri fa la conta e per la sfida col Celtic sonda la rosa alla ricerca dell’undici di coppa. Le assenze di De Sciglio, El Shaarawy, Montolivo, Kakà e Abate tra i tanti, pregiudicheranno le scelte del mister. Sopratutto in difesa: si vedrà ancora Zaccardo alla destra di Mexes e Zapata, sulla sinistra Emanuelson-Constant è il dubbio della vigilia. Davanti manca Kakà e per la trequarti potrebbe fare l’esordio europeo Valter Birsa, anche se pare un pelo in vantaggio Robinho. Matri farà l’esordio da titolare in Champions League con la maglia rossonera. Così il Milan affronterà gli scozzesi.

Di formazione e di infortuni ha parlato in esclusiva a IlSussidiario.net l’ex difensore rossonero Giuseppe Pancaro. Sulla difesa dice: “Cinque gol subiti in tre giornate sono decisamente tanti per una squadra come il Milan, ma il problema vero sta nei tanti infortuni. Se a Torino ci fossero stati entrambi i terzini titolari Abate e De Sciglio, non credo sarebbe andata allo stesso modo”. Il problema da quanto emerge sta nel non avere alternative valide. Una battuta su De Sciglio: Mattia è un predestinato e sono sicuro che diventerà un grandissimo. Già oggi è troppo importante per il Milan”. Infine due parole anche sull’ex compagno di squadra Kakà, che già alla prima si è infortunato: “Sono rimasto molto felice del suo ritorno, è un giocatore importante, bisogna avere pazienza. Mi dispiace per l’infortunio e non mi sorprende la sua decisione di autosospendersi lo stipendio, è davvero un ragazzo d’oro. Per questo i tifosi del Milan sono ancora legati a lui”.

Un Pancaro che crede nell’operato di Galliani e nelle scelte della società che sono emerse dall’ultimo mercato. Deluso dalla sfortuna per gli infortuni occorsi. Ma il Milan ha sempre saputo tirarsi fuori anche da situazioni difficili e, come ha detto oggi in conferenza Allegri, gli infortuni muscolari sono solo quattro di cui uno (Abate) è accaduto con la nazionale e non col Milan, quelli traumatici sono accidenti. Più sfortuna che incompetenza dei preparatori e dei fisioterapisti. Tanto per mettere tranquillo anche il buon Pato…