49 volte Cigno di Utrecht: auguri Van Basten!

49 volte Cigno di Utrecht: auguri Van Basten!


Maldini e Van BastenDi piede, di testa, al volo, da fuori area, di rovesciata: lui segnava da qualsiasi parte del campo, senza distinzione. Marco Van Basten era ed è così, perchè il suo ricordo vive ancora presente in tutti i tifosi rossoneri che hanno potuto vedere quel Milan degli anni ’90. Quel Milan che, grazie al Cigno di Utrecht, ha vinto tutto, da campionati a Coppe Campioni con una facilità disarmante. La fortuna, che abbiamo avuto noi nel poterlo vedere, non l’ha avuta lui: un destino beffardo tipico dei campioni come lui gli ha rovinato la carriera, conclusasi prematuramente all’età di 30 anni.

31 ottobre 1964 – 31 ottobre 2011: Marco Van Basten compie 47 anni. Il popolo calcistico per un giorno si ferma, apre la scatola dei ricordi ed estrae il libro sul centravanti più completo dei ultimi 20 anni. Con il Milan, in 201 partite segna 124 gol, uno più dell’altro. Perchè a Marco non piaceva solo segnare: gli piaceva farci divertire, farci emozionare, farci sognare. Fra tutti quei gol, quello in rovesciata nel novembre del ’92 contro il Goteborg in Coppa Campioni rappresenta alla perfezione il Van Basten milanista: rapidità d’esecuzione, precisione, coordinazione, gol all’angolino basso. Anche se lo scettro del gol più bello della sua carriera va consegnato alla nazionale: siamo nel giugno dell’88, Olanda-URSS. Siamo nel secondo tempo, l’Olanda recupera un pallone a centrocampo e parte in contropiede. Mühren mette dalla sinistra un cross troppo lungo per tutti, non per Van Basten. Il tempo si ferma, le bocche incominciano ad aprirsi a forma di O: Van Basten si coordina e al volo, praticamente da calcio d’angolo, infila il pallone dove nessuno credeva. Un gol da cineteca.

Nell’estate del ’95, dopo l’ennesima operazione alle caviglie che tanto hanno fatto la sua fortuna quanto il suo tallone d’Achille, decide di ritarsi. Il calcio mondiale è in lutto, piange un campione forse inarrivabile. Ma Van Basten qualche soddisfazione se l’era già presa: prima i trofei continentali e non con la maglia del Milan, poi tre palloni d’oro, una cosa riuscita solo ad altri geni come Platini e Cruijff. Dopo la carriera da calciatore, Van Basten ha voluto seguire il normale cammino dell’allenatore. Ma, come spesso accade, i risultati non sono gli stessi. Alla guida dell’Olanda prima e dell’Ajax poi, infatti, non vince nulla.

“Dove troveremo un altro come lui?” scriveva in prima pagina la Gazzetta dello Sport il giorno dopo uscita la notizia del suo ritiro. E avevano ragione: Van Basten è unico, inimitabile, inarrivabile, come solo i grandi campioni meritano. E così, 20 anni dopo le gue gesta in rossonera, siamo ancora qui a parlare di lui. Perchè quando inventi calcio, il tuo destino è questo: rimanere incollato nelle memorie dei tifosi. Auguri Cigno di Utrecht!




ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl