livorno ripartenze- Livorno: ripartenze veloci, mediana fragile

Livorno: ripartenze pericolose, mediana fragile

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ancora una trasferta per il Milan che, oggi pomeriggio, fa tappa all’Armando Picchi di Livorno. Gli amaranto toscani si trovano in piena lotta per non retrocedere e sono reduci da tre sconfitte consecutive ma, davanti al proprio pubblico, si suppone diano il massimo per centrare l’impresa. Ecco perché gli uomini di Allegri, chiamati a vincere per stabilizzarsi nella parte sinistra della classifica, non devono sottovalutare l’impegno per nessun motivo.

Punto di forza: ripartenze.
Il Livorno dovrebbe scendere in campo con un 3-5-1-1 di stampo difensivo, mirato ad assicurare densità e filtro a centrocampo, per poi basare il proprio gioco d’attacco in prevalenza su azioni di rimessa. Azioni di rimessa che, se effettuate con rapidità e incisività (subito dopo aver recuperato palla), potrebbero mettere in difficoltà la retroguardia rossonera. Le punte amaranto, in particolar modo Paulinho, Greco ed Emeghara, possiedono velocità, abilità nell’uno contro uno e doti da contropiedisti: quando si presentano gli spazi per colpire, sanno come creare problemi alle difese avversarie ed esprimono il massimo del loro potenziale. E’ allora vietato concedere azioni di rimessa: bisogna rimanere coperti, pur cercando di tenere il pallino del gioco e di creare occasioni, e aspettare con pazienza il momento giusto per affondare. Il Livorno, per tentare il colpaccio, può soltanto chiudersi e cercare di ripartire in velocità: il Milan non deve cadere nella trappola.

Punto debole: centrocampo centrale.
In mediana il Livorno può fare affidamento su corridori resistenti e dalla discreta fisicità, capaci di inserirsi negli spazi e abbastanza efficaci nei contrasti, ma ingenui dal punto di vista tecnico-tattico e del senso della posizione. I centrocampisti a disposizione di Nicola, infatti, manifestano problemi nella comprensione dello sviluppo delle azioni e nella fase d’impostazione. In ogni momento dell’incontro (soprattutto sul lungo andare o una volta terminata la benzina), corrono il rischio di schiacciarsi troppo o di alzarsi senza criterio. Così facendo, concedono agli avversari la possibilità di inserirsi tra le linee e di tentare la conclusione dalla distanza e non proteggono a dovere la retroguardia. Retroguardia che, se fosse ben coperta, sarebbe in grado di destreggiarsi con dignità. Ma che purtroppo, dal momento che i mediani non assicurano stabilità a lungo termine, è esposta alle azioni avversarie e non si trova nelle condizioni di rendere al meglio.

Giocatore chiave: Paulinho-Greco.
Sono loro le ancore di salvezza di un Livorno alla disperata ricerca di punti e di certezze. Il brasiliano è un attaccante rapido, dotato anche di un buon senso del gol e di tecnica. Con cinque centri in dieci partite di campionato- sua è la firma dell’ultimo successo amaranto- è lui il bomber della compagine toscana. L’altro giocatore a cui bisogna prestare massima attenzione è Leandro Greco, che dovrebbe essere schierato sulla trequarti e che possiede dinamismo, senso del gioco, qualità balistiche e inclinazione all’inserimento. Con i suoi movimenti e con la sua velocità, pur ripiegando con regolarità, sa creare scompiglio nelle difese avversarie: è l’unico capace di garantire un minimo di lucidità al gioco del Livorno.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy