Abatantuono: “Seedorf ha carisma. Allegri? Non l’ho mai capito, troppo aziendalista”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il grande tifoso rossonero Diego Abatantuono, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport, in cui parla di Milan e del nuovo corso targato Seedorf. Queste le sue dichiarazioni:

Sull’olandese: “Ha un indiscutibile carisma e personalità, ma non ha mai allenato finora. Non tutti gli attori possono fare i registi. Lo vivo con incertezza perché certi ruoli sono legati all’esperienza. So già cosa dirà se le cose non andranno per il verso giusto: “E’ il primo anno, ci vuole tempo”, oppure “con un rinnovamento del genere è difficile fare subito risultati”. Non capisco perché non pensiamo a tecnici come Mourinho o Guardiola, ne avevamo uno forte, Ancelotti, e allora sarebbe stato meglio tenerci lui…”.

Cosa si aspetta dal Milan: “Vorrei più chiarezza. Se non avessi figli giovani non avrei comprato le tessere, ma alla fine vado allo stadio con loro. Io è da un pezzo che mi chiedo “cosa sta succedendo?”, sono andati via un sacco di giocatori e nessuno ha detto niente…ai cambiamenti ci sto ma poi deve arrivare la qualità. Una mollezza che non mi spiego, tutto questo non è da Milan. Con la squadra che aveva Allegri quando è arrivato nel 2010 si poteva vincere sempre. Invece è stata smantellata. Io non ho ancora capito la cessione di Pirlo…Allegri non ha fatto una piega, come se fosse stata una furbata…invece è una cicatrice! E Pippo, che si riscaldava sempre e non entrava mai? Io Allegri non l’ho capito…troppo aziendalista. Le dipartite di Ibra e Thiago Silva per far cassa si potevano anche comprendere, ma perchè dare via Seedorf, Flamini, Ambrosini, l’ultimo che è sempre stato un collante per lo spogliatoio?”.

Su Balotelli: “Finora non mi ha entusiasmato. Non parlo di gossip. Si vede che ha talento, ma io il campione di cui si parla tanto non l’ho ancora visto in campo”.

Sulla convivenza Lady B. – Galliani: “Barbara è una bella ragazza e una brava persona. Allora (ride) l’amministratore delegato potevo farlo anche io! E’ un mondo bizzarro…non capisco. Galliani non può andare bene a metà”.