Il Valencia si salva in extremis ma l’Atletico c’è

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’Atletico Madrid c’è: il Milan è avvertito. Il nuovo anno della banda del Cholo Simeone è iniziato com’era finito quello vecchio: senza sconfitte. Dopo il successo contro il Malaga di sabato (il 16° in 18 partite di Liga), il prossimo avversario dei rossoneri in Champions League, non si rilassa nemmeno nella gara che ha aperto l’andata degli ottavi di Coppa del Re, sfiorando il successo in casa del Valencia. Un buon viatico di avvicinamento alla doppia sfida contro il Milan, quindi, ma soprattutto un ottimo segnale in vista della gara dell’anno che si svolgerà sabato sera contro il Barcellona in Campionato.

Protagonisti della sfida sicuramente i due portieri, con Guaita e Courtois davvero strepitosi, capaci di parare quasi l’impossibile. Alla fine il belga è dovuto capitolare solo al 93’ davanti al tap in del portoghese del Valencia Helder Postiga. Simeone non fa molto turn over e  schiera il super bomber ispano-brasiliano, Diego Costa in avanti con Adrian a supporto mentre c’è solo panchina per David Villa così come per Tiago ed Arda Turan. Primo tempo sonnacchioso con un solo tiro in porta per parte e la grande parata di Guaita su Raul Garcia, anche se è il Valencia a farsi preferire in quanto a decisione e possesso palla.

Nella ripresa succede tutto nel finale. Il gol degli ospiti arriva al 72’; Guaita respinge di pugno ma il pallone finisce a Raul Garcia che, di testa, segna l’1-0. La reazione dei padroni di casa arriva al 76’ con Canales ma Courtois è strepitoso così come su Piatti all’82’. Il portiere dell’Atletico è sotto pressione ed all’84’ si deve esibire in un altro super intervento su conclusione di Feghouli. Sembra ormai fatta per l’Atletico ma, al 93’, arriva la doccia gelata; cross di Guardado, prolunga Feghouli per Helder Postiga che, piazzato sul secondo palo, segna la rete dell’1-1 che chiude la sfida.