Dea: Denis e Maxi pericoli, difesa fragile

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Oggi pomeriggio, alle ore 15.00, il Milan torna in campo e ospita l’Atalanta di Colantuono. E’ l’occasione per tornare a vincere, allontanare gli spettri di una retrocessione e aprire una striscia positiva. Gli orobici occupano la quindicesima posizione, hanno un punto meno di noi e sono reduci dalla sonora sconfitta interna contro la Juventus, ma non devono essere sottovalutati per nessun motivo.

Punto di forza: Denis-Maxi Moralez.
L’Atalanta, che si schiera con un 4-4-2 mirato ad assicurare intensità e aggressività e che basa il proprio gioco d’attacco su azioni di rimessa e verticalizzazioni, può contare su una coppia d’attacco pericolosa ed efficace. Denis e Maxi Moralez, che si completano per caratteristiche, sono due punte in grado di risultare armi letali. Il primo, centravanti di peso, annovera nel proprio repertorio fisicità, abilità nel far salire la squadra e senso del gol. Maxi Moralez, seconda punta brevilinea, è un contropiedista di prim’ordine, dispone di rapidità e propensione al dribbling, nonché di resistenza e di tecnica di base. Non ha fisicità, ma è in grado di svariare su tutto il fronte d’attacco e di non dare punti di riferimento, sfruttando al meglio le seconde palle e le occasioni che nascono da possibili ripartenze. Attenzione.

Punto debole: difesa-mancanza di interdizione-portiere.
La retroguardia atalantina è composta da giocatori fisici e aggressivi, che difettano però per senso della posizione, mobilità e comprensione dello sviluppo delle azioni. Oggi pomeriggio, sebbene la società sia intervenuta sul mercato, uno dei difensori centrali dovrebbe essere Migliaccio, che di norma gioca sulla linea mediana. Insomma, il pacchetto arretrato dell’Atalanta può essere perforato con tranquillità, anche perché a volte capita che il centrocampo non riesca a fare filtro. L’unico incontrista a disposizione di Colantuono, infatti, è Carmona. Cigarini è un regista, dispone di buona tecnica, ma manifesta problemi nei contrasti e nella fase di recupero palla. Un altro tasto dolente riguarda il portiere: Consigli è discontinuo, alterna buone parate a errori banali, tanto da non essere una sicurezza né tra i pali né nelle uscite.

Giocatore chiave: Denis.
Il centravanti argentino è il centro gravitazionale dell’Atalanta. Dispone di potenza e di un ottimo stacco di testa, è in grado di difendere palla alla perfezione, di creare spazi per i compagni, di tenere in apprensione le difese avversarie con movimenti da vera prima punta. Lanciando in avanti per lui, la Dea può respirare e sperare in qualche giocata illuminante. E quando gli capita una palla gol, è difficile che sbagli. Va controllato con massima attenzione.