Blatter attacca il Brasile: “Nessuno peggio di loro nell’organizzare il Mondiale…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

A pochi mesi dall’inizio del Mondiale, Joseph Blatter attacca l’organizzazione brasiliana.

Il Brasile è il paese organizzatore con i maggiori ritardi da quando io sto nella Fifa – ha affermato il presidente della Fifa al giornale svizzero 24 Ore -. Ed è stato anche quello che ha avuto più tempo per prepararsi, sette anni“.

Il torneo, che si svolgerà dal 12 giugno al 13 luglio, sconta ritardi nella consegna di sei stadi. E l’Itaquerao di San Paolo rischia di essere pronto soltanto a maggio. “Il Brasile – ha aggiunto Blatter – adesso si è reso conto che ha cominciato a fare le cose troppo tardi. Proteste? Non le temo, anche se sappiamo che ci saranno manifestazioni. Quelle durante la Confederations Cup sono nate sui social network, ma non avevano obiettivi concreti o rivendicazioni autentiche. E’ possibile che durante il Mondiale ce ne siamo di più concrete e strutturali. Ma il calcio sarà protetto, e poi non credo che i brasiliani attaccheranno direttamente lo sport che per loro è un’autentica religione“.