SM ESCLUSIVO/ Morabito (agente FIFA): “Galliani ha colto al volo l’affare Taarabt. Juventus ed Inter sfogliano margherite. E su Nani…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Se Adel Taarabt è diventato un giocatore del Milan, grande merito va a Vincenzo Morabito, l’agente Fifa che ha imbastito e portato a termine la trattativa. E ora, in esclusiva a SpazioMilan.it, lo “sponsor” del centrocampista marocchino rivela i retroscena dell’affare e scommette: “Ha una grande opportunità”.

Morabito, partiamo dall’inizio: com’è nata la trattativa?
“E’ nata da un colloquio tra il giocatore e l’allenatore del Fulham, René Meulensteen. Dopo quel confronto, il club inglese mi ha contattato per trovare una squadra a Taarabt”.

Ed è spuntato il Milan…
“Sapevo dell’apprezzamento di Adriano Galliani per il giocatore. Conosco bene la professionalità dell’amministratore delegato rossonero: a differenza di altri, quando è convinto di un affare, si chiude nel giro di pochissimo tempo”.

A chi si riferisce nel paragone?
“Diciamo che Inter e Juve spesso investono tempo nello sfogliare le margherite di ogni trattativa. E a volte gli affari rischiano di sfumare…”.

Si è detto e letto tanto su Taarabt: qual è la verità?
“Ha grandi mezzi e al Milan avrà una grande opportunità. Con tutto il rispetto per il Fulham, ora è in un grande club e può rimanerci, visto che i rossoneri hanno l’opzione per il riscatto. Deve solo togliersi dalla testa soprannomi e paragoni inutili”.

Come si collocherà nel modulo di Seedorf?
“Può ricoprire qualsiasi ruolo dei tre dietro alla punta nel 4-2-3-1 messo in campo da Clarence. In un ipotetico 4-4-2 può fare l’esterno destro come il sinistro e così nel 4-3-3”.

Si è parlato anche di un interesse rossonero per Nani…
“Non ci credo. Diciamo piuttosto che l’entourage di Nani ha tutto l’interesse per spingere il giocatore in Italia. Ci hanno provato con la Juve, poi con l’Inter, quindi col Milan. La verità è che il portoghese non sta proprio al massimo della forma. Penso che resterà a Manchester”.