El Shaarawy: “Non sono sparito, aspettatemi. Felice per Seedorf, mi ha detto di pensare a guarire”

el shaarawy 3 milan-ajax (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

MILANO – Queste le dichiarazioni rilasciate a Milanello da Stephan El Shaarawy al Corriere della Sera e al Corriere dello Sport.

L’intervista al giovane Faraone sarà in onda oggi su Sky e su Milan Channel.

Così Stephan al Corriere della Sera: “Non sono sparito. Si sono spenti i riflettori attorno a me ma sono solo infortunato. Aspettatemi, ho una grande voglia di tornare a essere protagonista. Questi mesi lontano dai campi sono stati molto difficili, sono fuori da tanto tempo. Ma se il controllo di oggi andrà bene potrò iniziare la riabilitazione. Lo step successivo è il lavoro sul campo. Per tornare disponibile ci vorranno 4-6 settimane. Sono molto contento che Seedorf sia l’allenatore del Milan. Con lui avevo un ottimo rapporto quando eravamo compagni di squadra. Ha qualità umane importanti, sono felice di essere venuto qui il giorno del suo arrivo a Milanello. Detto questo, sono riconoscente ad Allegri che mi ha lanciato nel grande calcio”.

El Shaarawy ha parlato in questi termini al Corriere dello Sport: “Mi sono stati tutti vicini in questi mesi, anche e soprattutto Mario Balotelli. Molto spesso quando avevo il piede ingessato in questi mesi mi veniva a salutare. E’ stato bello, mi ha fatto molto piacere. Anche durante la Confederations Cup la scorsa estate in Brasile mi è stato molto vicino. Il suo a Napoli è stato uno sfogo umanissimo. E’ assolutamente normale piangere a 23 anni. Del resto Mario aveva trascorso una settimana particolare. Io non mi sono mai sentito escluso dal progetto Milan. E’ vero, c’è stata una offerta da una squadra russa, ma ho deciso di restare al Milan perchè è quello che voglio, è mia intenzione diventare un grande campione qui, con questa maglia. Adesso bisogna passare il turno in Champions League, ma io sono tranquillo. Seedorf mi ha detto di pensare a guarire. Io sono fiducioso, tutti credono in me e mi stanno aspettando“.

(Fonte: AcMilan.com)