SM ESCLUSIVO/ Ielpo: “Agazzi portiere vero. Non mi piace il gioco di Seedorf, così Kakà fa il mulo…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La situazione portieri in casa Milan è in evoluzione, c’è aria di grande cambiamento. Per analizzare ed approfondire le loro prestazioni fin qui, SpazioMilan.it ha intervistato in esclusiva Mario Ielpo, che in passato ha difeso i pali del Milan per 3 anni; non solo, anche sei anni di Cagliari: l’occasione per sbilanciarsi sull’ormai prossimo numero 1 rossonero Agazzi.

Ielpo, il Milan ha le “mani” su Agazzi: un buon acquisto?
E’ sicuramente affidabile, anche se non ancora da Milan. Parliamo di un portiere vero, in giro c’era ben poco di meglio: non è un brutto acquisto, nonostante non sia velocissimo e nelle uscite non sia il massimo. Per il resto, ha un fisico notevole, copre bene la porta ed è abbastanza sicuro nelle uscite“.

Insomma, benedice la mossa del Milan…
Agazzi è completo, non è un fenomeno ma è di buon livello“.

Il suo arrivo costerà la cessione a Gabriel?
Probabilmente sì. Ma diciamo la verità: Gabriel non è pronto per giocare nel Milan, lo ha dimostrato quest’anno sul campo con errori grossolani. Non è tranquillo, mentalmente non è ancora adatto per giocare in Serie A. Agazzi è sicuramente superiore“.

Deve ancora farsi le ossa. Ma dove?
Gli consiglio di fare un’esperienza in Serie B. Certo, se dovesse esserci un’occasione in A ben venga, ma la cosa migliore sarebbe vivere in un ambiente senza troppe pressioni, giocarsi 30 partite all’anno senza ambizioni dichiarate. E’ difficile dire se nell’avvenire possa essere da Milan o meno, si vedrà nel tempo: dovrà mettersi alla prova e curare i fondamentali, che vengono sempre più dimenticati...”.

Parliamo, invece, di Abbiati, che sta facendo cose di buonissime livello: se lo aspettava?
Abbiati è ottimo, ha un fisico macchinoso e fragile ma se sta bene è una garanzia. Con i piedi non è sicurissimo, ma è una persona eccezionale ed umile. E’ un bene se l’anno prossimo rimarrà ancora, per dare qualche consiglio ai giovani: lo fa volentieri, consapevole che il Milan potrà puntarci sempre meno visto l’età“.

Poi c’è Amelia, che qualche domenica fa non ha sfruttato una bella chance per mettersi in mostra…
Non dimentichiamoci che è stato in Nazionale, è forte. Ma nel Milan non è riuscito ad affermarsi. Con il Cagliari ha sbagliato, è evidente, quella palla doveva colpirla di interno, ma è stato anche sfortunato. Il problema è che i portieri, a differenza degli altri giocatori, se sono in difficoltà non possono passare la palla indietro… Allegri chiedeva in maniera esagerata che il gioco iniziasse dai difensori, anche se marcati: e allora gli errori, che anche Abbiati commette, sono da mettere in conto“.

Chiudiamo con un commento su Seedorf allenatore ed il suo Milan: promosso?
Non mi piace per niente come gioca, vedo 3 trequartisti fermi e pochissima copertura: non è il mio calcio, così Kakà diventa un mulo! Credo moltissimo nell’uomo Seedorf, che ha enormi potenzialità, ma come mister rimane un mistero. I centrocampisti corrono troppo e conquistano troppo poco, con il Torino non mi spiego l’esclusione di Abate: avrei avanzato Emanuelson, che non si è ancora capito in che ruolo si esprime meglio, togliendo Honda. Il giapponese non ha passo, ma in questa posizione lo si limita: comunque, ci vuole pazienza“.