Seedorf cambia musica: 10 mosse ed è già una mini “rivoluzione”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Una mini rivoluzione. Silenziosa, ma decisa e importante. I primi passi di Clarence Seedorf a Milanello non sono stati banali. Al di là del cambiamento dal punto di vista tattico oggi, La Gazzetta dello Sport, riassume in 10 punti dove il nuovo Mister ha lasciato la sua impronta.

Allo stadio la musica è cambiata: da “Sweet Child O’ Mine” dei Guns ‘N’ Roses a “Can’t Hold Us” di Macklemore & Ryan Lewis. Così come la fascia di capitano non è più un punto così fisso. Come nel caso di Mexes durante Napoli-Milan, generando anche qualche mal umore, la si usa anche a scopo motivazionale. Così come motivazionali sono l’abbraccio di gruppo prima e dopo ogni gara e anche il ritorno a Milanello di Bruno De Michelis, psicologo e collaboratore storico di Capello e Ancelotti.

Stravolto anche il rapporto con la stampa: più sedute aperte e una conferenza stampa aggiuntiva quando ci sono le trasferte. Per quanto riguarda il capitolo allenamenti invece, Seedorf almeno un giorno a settimana lavora dal punto di vista atletico e concede più sonno al mattino preferendo le sedute pomeridiane. Ultima svolta significativa, che forse è un segnale sulla rivoluzione che ha in mente per l’estate, nel pre partita riunione per reparto: difesa, centrocampo e attacco.