Spaccatutto Constant, un derby di forza e sostanza

Terzino destro Constant
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Non chiamatelo sicurezza, ma spaccatutto sì. Constant, alla vigilia del derby, aveva dichiarato di voler metterci l’anima contro l’Inter, e sul campo ha dimostrato forza ed impegno. Pochissime azioni offensive, ma un buonissimo lavoro in fase difensiva, senza mai rischiare nulla e sopravanzando nettamente Jonathan, suo diretto avversario. Sostanza e corsa, insieme ad una condizione fisica più che discreta.

E’ il periodo di Constant che, dalla Lazio in poi, ha giocato dall’inizio 7 sfide su 8 (assente contro il Chievo, ma solo per squalifica). Un mese intero, quello di aprile, dove Kevin è stato sempre dignitoso. Ad Emanuelson ha lasciato la polvere, ormai finito fisso in panchina. Constant ha dimostrato con serietà come si fa a conquistare la fiducia di un allenatore, grazie al lavoro e nonostante una piazza che mai lo vedrà come vera risorsa. Ma intanto i numeri dicono che Constant ha preso il posto di Abate.

I rossoneri hanno trovato equilibrio, Constant ha acquistato senso: almeno fino a fine stagione, sarebbe sbagliato cambiare. Una paradossale fiducia.