Peter Lim ad un passo dall’acquisizione del Valencia: addio Milan?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Vi ricordate Peter Lim, l’imprenditore sessantenne di Singapore, ottavo uomo più ricco fra i 40 del piccolo stato, interessato al Milan? Bene, adesso è vicino ad acquistare il Valencia. A poco più di un mese dalla prime voci di un suo possibile ingresso nella società rossonera, dopo la visita a San Siro in occasione di Milan-Chievo ed un primo, superficiale colloquio con la dirigenza milanista, Lim ha avanzato un’offerta ufficiale verso il club spagnolo: secondo Pwc, scelta dal club e dalla Fondazione VCF per la consulenza fiscale, “la migliore” delle 4 rimaste in corsa.

Lo scorso lunedì è scaduta la deadline fissata dal consiglio di gestione per l’acquisizione, attenzione, dell’intero pacchetto del club valenciano. Inizialmente le proposte avanzate erano 5 (una cordata guidata da Peter Lim, imprenditore di Singapore, accostato negli scorsi mesi anche al Milan; il fondo americano Cerberus Capital, che può contare sull’aggancio dell’ex valenciano David Albelda e di altri imprenditori locali; la Zolotaya Zvezda di Mihail Boskov, tra le favorite di Bankia per la garanzia alla copertura totale del debito; Wanda Corporation, guidata dall’imprenditore cinese Wang Jianlin, che ha già manifestato altri interessi nel settore immobiliare in Spagna; Mario Alvarado e Eduardo Jarque, investitori costaricani, tornati alla carica dopo il “no” di Bankia nel 2012), ora sono rimaste in 4 (la cordata dei costaricani si è chiamata fuori): il presidente del Valencia Amadeo Salvio, Bankia e Pricewaterhouse sembrano avere al momento idee contrastanti sull’offerta da prendere in considerazione, ma quella di Peter Lim sembra davvero essere la più interessante.

Tutto questa è stato scritto e spiegato brillantemente da Marco Bellinazzo, giornalista e collega de Il Sole 24 Ore, sul suo blog. In ogni caso, sarà necessario sborsare più di 300 milioni per coprire interamente i debiti del Valencia, ma è chiaro che se alla fine la dovesse spuntare Lim, l’ipotesi Milan, come socio di minoranza, tramonterebbe del tutto.