CALCIOMERCATO/ Milan, il sogno rimane Martinez

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il mercato rossonero, in particolar modo per quanto riguarda l’attacco, ruota attorno a Mario Balotelli. La cessione del centravanti ex Inter e Manchester City, da tempo in rotta con l’ambiente e nel mirino di Monaco, Galatasaray, Arsenal e Liverpool, aprirebbe a nuovi scenari. Nuovi scenari che potrebbero permettere ad Adriano Galliani di mettere a segno quel colpo tanto desiderato da tutti i tifosi del Diavolo.

Con il denaro ricavato dalla cessione di Balotelli, che dovrebbe partire per una cifra almeno pari a venticinque milioni, l’amministratore delegato rossonero farebbe il possibile per regalare a Pippo Inzaghi una prima punta di livello: Jackson Martinez. Già, come riporta anche Goal.com, è il centravanti colombiano, al momento in forza al Porto, il sogno della società di Via Aldo Rossi. Sogno da trenta milioni. E’ questa la somma richiesta dal club portoghese per liberare il proprio pezzo pregiato, classe ’86, reduce da una stagione caratterizzata da ventotto gol in quarantotto presenze. Affare possibile, ammesso che Balotelli parta. Sì, perché Jackson Martinez ha fatto sapere di essere desideroso di cambiare aria e di misurarsi con un campionato più difficile e competitivo, rispetto a quello portoghese. Ma non finisce qui.

Una volta sistemata la situazione relativa al centravanti, ruolo che al momento in rosa può essere ricoperto soltanto da Giampaolo Pazzini (Matri e Petagna sono stati ceduti), con i soldi ottenuti da cessioni meno illustri ma comunque pesanti, Robinho in primis, Galliani cercherebbe di mettere le mani su un esterno d’attacco. In merito, i nomi più caldi sono quelli di Adel Taarabt e Nani, con quest’ultimo in vantaggio sul franco-marocchino. In ogni caso, entrambi costano meno di otto milioni: nel mese di agosto, se il Milan si facesse avanti con decisione, uno dei due dovrebbe di certo arrivare. Situazione Balotelli (e Robinho) permettendo. Non ci resta che attendere.