Fidiamoci di Galliani e speriamo in Diego Lopez. Ma la progettualità?

faranda
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Diego Lopez, il portiere più forte del mondo. Lo dice Galliani, e a me un po’ sale quel non so che. Boh, sì, mah, fidiamoci. Al Milan un portiere serviva. Abbiati ha problemi alla schiena, il Mago Gabriel più che rompere i nostri quando esce non fa, Agazzi…stop. Agazzi perchè? L’argomento è stato già affrontato. Basta favole, e anche questo lo abbiamo già detto mille volte. Ma un paio di dubbi mi sorgono sempre.

Neuer, Cech, Buffon e persino Casillas quando avranno sentito Galliani, cosa avranno pensato? Forse che vivono in una dimensione parallela. Come quella in cui vivo probabilmente io quando sento certe cose. Secondo dubbio: perchè il Real lo regala al Milan? Scusa Florentino, ma dopo Redondo, Emerson e il dimenticato Julio Cesar (il difensore) mi fido pochino. D’accordo, quelli che ci capiscono di calcio ci dicono che è un buon portiere, quello che ha relegato Casillas in panchina nella Liga facendogli giocare solo la Champions.

Champions vinta, Liga persa. Dato insignificante ma ci vuole un attimo a fare il Galliani al contrario. Si può dire ad esempio che a ben vedere i dati nelle ultime stagioni, ha sempre subìto tra 1 e 1,5 gol a partita. Nella Liga capita, ma Casillas aveva una media inferiore. Si può per concludere parlare dei suoi 32 anni e di quel contratto quadriennale a 2,5 circa netti che dovesse far male lo trasformerebbe nel nuovo Robinho/Mexes/Essien. Spero e credo di poter sbagliare, ma i miei dubbi sono legittimi.

Anche perchè poi si rischia di passare per quelli contro, per quelli che criticano a prescindere. E guai poi a salire sul carro. Io sul carro non ci salirò comunque perchè qua si può anche fare un campionato dignitoso senza Coppe, ma il punto è un altro. Manca progettualità, mancano idee, mancano i soldi, o meglio ci sono solo per ingaggi inspiegabili, passi pure quello di D.Lopez. Quel non so che però si ripropone se poi ti vengono a dire che ti eri seduto al tavolo con l’Udinese ben disposta a cederti Scuffet, ma poi gli hai offerto il Mago e a Udine non hanno certo l’anello al naso. Quello sì che era un colpo di prospettiva. 15 di cartellino ma un ingaggio inferiore e la chance di trovare il portiere dei prossimi 10 anni.

Qui non è essere Tafazzi, qui è scegliere una via coraggiosa piuttosto che un’altra molto più comoda per mille ragioni ma sicuramente perdente sul lungo periodo. E sul breve se si considera che qualche tifoso ha aperto gli occhi e ha deciso di non abbonarsi più svuotando San Siro. Perchè Lopez sarà il più forte d’Europa, Inzaghi sarà il nuovo Ferguson, ma Ccà nisciun è fess.