Galliani sfoglia la margherita: ecco i nomi per l’attacco sul taccuino

raduno galliani (spaziomilan)
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Contatti, telefonate, depistaggi. Per Adriano Galliani sono giorni caldissimi. Dopo la partenza di Mario Balotelli, l’amministratore delegato è costantemente proiettato sulla composizione del mosaico del nuovo Milan. E da Forte dei Marmi sta dirigendo tutte le operazioni. La pista più calda, almeno secondo quanto conferma la Gazzetta dello Sport, è quella che porta a Jackson Martinez. Il Porto chiede più di 30 milioni, ma Adriano Galliani non dispera, provando anche stavolta a far leva sul giocatore per strappare condizioni più favorevoli per l’acquisizione del cartellino. Poi c’è stato il contatto con la Roma per Mattia Destro. I giallorossi chiedono 25 milioni, mentre il Milan propone il prestito con riscatto a 12 milioni. Insomma, una distanza incolmabile. In mezzo ecco la suggestione Samuel Eto’o, lusingato dall’interesse, ma tutto da imbastire.

Sul taccuino di Galliani è finito anche Chicharito Hernandez, in bilico al Manchester United dopo l’arrivo di Van Gaal. E sempre a proposito d’Inghilterra ecco che Inzaghi chiede l’apertura di un dialogo col Chelsea per Fernando Torres. Qui l’affare potrebbe essere più agevole, visto che i londinesi potrebbero lasciar partire lo spagnolo anche in prestito. Ma l’ingaggio ammonta a 8 milioni di euro a stagione. Alternative? Ci sono sempre Negredo, infortunato, e Soldado, che al Tottenham trova poco spazio.

Si torna in Italia. E si pensa a Luis Muriel dell’Udinese. I Pozzo non sono contrari all’avvio di una trattativa, ma il tempo stringe per trovare l’accordo su un prestito come avrebbe fatto intendere il Milan. Infine, occhio alle solite piste: Rabiot, Dzemaili, per il centrocampo, con l’ultimo nome di Marcus Van Ginkel del Chelsea. Senza dimenticare Alessio Cerci, per il quale Galliani e Cairo si sarebbero concessi qualche giorno di stop. Anche perché oggi la priorità sembra essere il dopo-Balotelli. E forse il Milan, conoscendo ormai a memoria tutti i pensieri dei granata, è convinto di poter chiudere anche all’ultimo minuto per l’esterno richiesto da Inzaghi.