Lazio e Roma al comando del (povero) mercato italiano. Milan, dove sei?

Adriano Galliani
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Che l’Italia non sia più la regina del calciomercato estivo, è risaputo. Da un paio d’anni, per motivi di budget e di bilancio, i club di Serie A mettono in scena sessioni di mercato mirate all’utile e al raggiungimento del massimo risultato con il minimo sforzo. I fasti degli anni Novanta e dei primi anni Duemila rappresentano ormai un lontano ricordo.

A oggi, infatti, è la Premier League il campionato in cui abbiamo assistito al maggior numero di investimenti: 683,87 milioni di euro. Una cifra da capogiro, insomma, specie considerando che il mercato si concluderà tra un mese e che alcune società, Manchester United in primis, sono intenzionate a muoversi senza remore. Subito dopo la Premier League, in merito alle spese per gli acquisti, figura la Liga Spagnola. In Spagna sono stati sborsati 400 milioni di euro. A tal proposito, il Real Madrid e il Barcellona, che in un primo momento era stato sanzionato dalla FIFA, spadroneggiano e controllano il panorama nazionale. In merito, l’acquisto di Suarez docet. Colpa, o merito, del sistema fiscale.

E l’Italia? Che dire, l’Italia fa quel che può, ma è costretta a spendere meno. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, per il momento, sono 231,93 i milioni che i club di Serie A hanno destinato alla campagna acquisti. Non poco, sia chiaro, ma senz’altro meno di società inglesi e spagnole. A differenza delle scorse sessioni, in merito al calciomercato italiano, balza però all’occhio un dato: le squadre che dominano la scena sono la Roma e la Lazio che, finora, hanno speso un totale di 67 milioni di euro. Proprio così.

Mentre la Juventus si è mossa con intelligenza, concludendo affari low cost, cercando di guadagnare il più possibile dall’ipotetica cessione di Vidal e risparmiando denaro per qualche eventuale botto last minute, l’Inter sta spendendo in maniera oculata (sperando in un colpaccio a fine mercato) e il Milan risulta immobile. Spiace dirlo ma è così. Dopo aver preso a parametro zero Agazzi, Alex e Menez, il Diavolo si è limitato a riscattare Albertazzi e Rami. Troppo poco, per puntare in alto.

Certo, il mercato è ancora lungo e i colpi di scena potrebbero essere dietro l’angolo. Stando a quanto accaduto fino a questo momento, però, è doveroso sottolineare come la Roma e la Lazio, a scapito di Inter e Milan, abbiano per ora acquistato l’egemonia sul calciomercato nazionale. Calciomercato nazionale che, in ogni caso, risulta ben più povero rispetto a quello della Premier e della Liga, protagoniste anche quest’anno di una sessione da urlo.