Sei qui: Home » News » GaSport: le sette sfide da vincere per Pippo Inzaghi

GaSport: le sette sfide da vincere per Pippo Inzaghi

A dieci giorni dal derby contro l’Inter, la Gazzetta dello Sport analizza la situazione della rosa rossonera, ed individua sette giocatori che mister Filippo Inzaghi è chiamato a portare al top per battere i nerazzurri e provare a dare una svolta alla stagione rossonera, che rischia di prendere una brutta piega al termine di un ciclo terribile di partite prima della sosta natalizia.

Partendo dalla difesa, innanzitutto è necessario dare continuità a Diego Lopez, portiere di indubbia qualità, lo si è visto col Palermo, che deve prendersi una volta per tutte il posto fisso tra i pali rossoneri. Davanti a lui, cercano la svolta Philippe Mexes e Mattia De Sciglio: il francese, ai margini della rosa fino a dieci giorni fa, ha scalato le gerarchie di SuperPippo ed è pronto a giocare la seconda partita ufficiale dall’inizio. Il terzino, prima in Nazionale, e poi in rossonero, dovrà dimostrare di essere un punto di forza per la sua squadra e non un punto interrogativo.

LEGGI ANCHE:  Zambrotta difende il Milan: "Non sta deludendo e vi spiego perché!", poi l'elogio a Theo

E’ tuttavia a centrocampo che il tecnico del Diavolo deve fare le scelte giuste, con tanti giocatori che scalpitano, a cominciare da Riccardo Montolivo. Il capitano, che verrà convocato dopo mesi fuori per infortunio, vuole tornare a saggiare il campo, anche magari subentrando per pochi minuti. Poi c’è Marco Van Ginkel, che ha richiesto a gran voce più spazio, ed Inzaghi potrebbe accontentarlo se De Jong non dovesse recuperare dall’infortunio. Inoltre, sarà una partita speciale per Jack Bonaventura, che nell’ultimo giorno di mercato era praticamente un giocatore dell’Inter, prima del grande blitz di Adriano Galliani, che lo ha portato sull’altra sponda dei Navigli.

In conclusione, la settima sfida da vincere per Inzaghi risponde al nome di Fernando Torres: le due settimane di sosta gli permetteranno di superare definitivamente il problema alla caviglia ed ora toccherà a lui conquistare San Siro nella partita più importante dell’anno.