L’attesa per Mr. Bee e lo stadio

BORSINO-1024x561
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il Milan approfitta della pausa per gli impegni delle Nazionali, per far giocare chi ha avuto meno spazio nelle prime due giornate di Serie A, i nuovi arrivati e soprattutto tanti giovani. La vittoria contro il Mantova ha regalato pochi segnali positivi e molti dubbi a Sinisa Mihajlovic. I rossoneri passano in vantaggio con Balotelli al terzo minuto di gioco, ma gli uomini di Riccardo Maspero trovano il gol del pareggio con Ungaro al 17° e allungano dieci minuti più tardi con Trainotti. Poli segna il pari 37° e Luiz Adriano realizza il rigore deciso al 63°. Balotelli ha messo lo zampino in entrambe le reti: assist per Poli e atterramento in area in occasione del penalty. 3-2 il risultato finale, ma il neo tecnico milanista non è per niente soddisfatto e non ha perso tempo per sfogarsi e redarguire i suoi a fine match: “Oggi si è visto perché alcuni giocatori hanno giocato poco: se sono in queste condizioni, non possono giocare. Abbiamo giocato come una squadra di serie C“. Dopo la sosta ci sarà il Derby, i rossoneri dimostreranno di essere una grande squadra? Speriamo. IN RIALZO

Il 31 luglio è terminata la sessione estiva di calciomercato. Il Milan non ha registrato nessun colpo in entrata, mentre è riuscito a sfoltire la rosa cedendo diversi giocatori sia in prestito che a titolo definitivo. Nell’ultimo giorno saltano quindi le trattative che avrebbero portato al Diavolo Soriano e Witsel, mentre hanno lasciato Milanello in prestito: Mastour al Malaga e Matri alla Lazio. Addio definitivo invece di Zaccardo passato al Carpi e Benedicic ceduto al Como. Il colpo ad effetto non c’è stato, ma gli arrivi di Bacca, Luiz Adriano, Romagnoli, Bertolacci, Balotelli, Kucka e Josè Mauri regalano sicuramente una sufficienza in pagella alla dirigenza rossonera. IN RIALZO

Le prossime settimane saranno decisive anche per quel che riguarda la questione dello stadio. Ad inizio agosto le prime difficoltà relative al progetto di riqualifica della zona del Portello, apparentemente risolte durante il fitto scambio di comunicati stampa tra Milan e Fondazione Fiera. Al centro del discorso c’erano gli elevati costi della bonifica del terreno e al momento non è ancora chiaro chi dovrebbe assumerseli. Tutto ruota intorno all’investimento che il Diavolo dovrà sostenere e quando si parla di bilancio, il pensiero non può che correre alla famiglia Berlusconi e a Fininvest. Secondo quanto raccolto da SpazioMilan.it, sembra che non ci sia nessun dubbio sull’idea di realizzare un impianto di proprietà purché il progetto sia sostenibile. Non trovano invece conferma le ipotesi dell’ammodernamento di San Siro e la scelta di una nuova zona, il Milan non avrebbe mai espresso gradimenti sulla collocazione della struttura. I giorni passano e Portello o meno, una soluzione deve essere trovata. A tal proposito, i membri votanti di Fondazione Fiera si riuniranno il 14 o il 21 settembre per una riunione straordinaria indetta dal presidente Benedini per valutare la situazione. Entro la fine del mese dovrebbero poi incontrare il Milan, ma lo strappo sembra difficile da ricucire. IN RIBASSO

Siamo in chiusura per la cessione del 48% del Milan a Mr. Bee. Il broker thailandese sarà a Milano per festeggiare il suo compleanno e soprattutto per controllare che tutte le operazioni verso il closing della trattativa stiano proseguendo nel verso giusto. Tutto ciò in attesa della firma finale che dovrebbe avvenire però a fine mese. Non è da escludere che già in questo nuovo viaggio, si possa arrivare alla definitiva fumata bianca. Nel frattempo però L’Espresso ha sollevato un polverone pubblicando un dossier che dovrebbe smascherare il bluff di Mr. Bee. Il broker thailandese non avrebbe i fondi necessari da investire nell’acquisto, il Milan glissa e definisce spazzatura quanto raccolto dal quotidiano. A fine settembre vedremo chi avrà ragione. IN RIALZO