Kakà: “Il Milan rimarrà nel mio cuore. La finale di Istanbul una tragedia, ad Atene abbiamo scritto la storia. Ai tifosi dico…”

Kakà
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ricardo Kakà, nel corso della diretta Facebook di oggi con i suoi fans, ha parlato anche di Milan, ripercorrendo tutta la sua magnifica storia in rossonero: “Il mio trasferimento al Milan fu un sogno. In rossonero ho passato tanti momenti bellissimi, ma non sono mancati anche i momenti bui come ad esempio la prima finale con il Liverpool, avevamo Cafù, Maldini,Nesta e Stam in difesa, eppure subimmo 3 gol in 6 minuti, una cosa inspiegabile. I rigori poi ci condannarono. Fu un momento difficilissimo per la mia carriera. Era la mia prima finale di Champions League. Il destino poi mi restituì un’altra opportunità contro il Liverpool. Due anni dopo il fato ci concesse la rivincita contro gli inglesi ad Atene. Andammo in vantaggio di due gol e la partita finì 2-1. Un momento importantissimo per la mia carriera, la Champions League era nostra. Poi la finale del Mondiale del Club contro il Boca, un altro momento stupendo della mia carriera e un’altra rivincita. Eravamo Campioni del Mondo. Fui premiato con il Pallone D’oro e con il FIFA World Player of the Year, tutto questo anche grazie al Milan. Sono molto grato a questa squadra, sono stato protagonista di un grande storia. Nella stagione seguente ricevetti una proposta grandiosa da parte del Manchester City, una squadra che stava crescendo e che si apprestava a diventare una grande del calcio europeo: era una proposta sensazionale anche per il mio club. Il Milan era in difficoltà, anche il Psg mi voleva, poi in accordo con la società decisi di restare. Sei mesi dopo arrivò un’altra chiamata, quella del Real Madrid, quello di giocare con i blancos era un altro sogno, ma è stata durissima lasciare il Milan. In quel momento però per la mia carriera professionale fu giusto così. Sono molto grato al Milan, il mio amore per questo club rimarrà intatto. Sono molto grato anche a tutta la tifoseria del Milan e alla grande società di questo club. Sono molto contento del mio passato in rossonero. Il Milan è e sarà sempre nel mio cuore“.