GaSport, Tognazzi: “Non c’è carattere, ma non serve cambiare Mihajlovic”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ogni volta che serve continuità, pecchiamo di carattere, senza quella giusta voglia di raggiungere il risultato“. Così Gianmarco Tognazzi dopo Milan-Bologna ai microfoni di Gazzetta dello Sport Milano-Lombardia. “Non credo – afferma l’attore – che la rosa sia al di sotto di altre, ma ci sono singoli che lasciano sempre a desiderare. Mi riferisco ad alcune giocate di Montolivo, per non parlare di Cerci, che si trova in una situazione imbarazzante, ma non può scartarsi tre volte davanti al portiere avversario“. E ancora: “Assistiamo basiti a certe cose senza darsi una spiegazione come sui primi venti minuti di Niang che ha trotterellato a vuoto“. Soluzioni?L’errore di cambiare allenatore a gennaio è già stato fatto, spero che non si ripeta senza aver la possibilità di iniziare un ciclo con qualcuno a lungo termine. Un nuovo allenatore farebbe giocare meglio questi giocatori? Si è criticato Mihajlovic per la sua presunta durezza, ma qui ci vuole solo durezza. Non riesco ad attribuire solo a lui tutte le colpe di questa situazione”.