Costacurta: "Berlusconi mi ha fatto sognare. La cessione regalerà un Milan migliore. Sulla rosa attuale..."

Costacurta: “Berlusconi mi ha fatto sognare. La cessione regalerà un Milan migliore. Sulla rosa attuale…”


Ospite degli studi di Sky Sport 24, Alessandro Costacurta, in occasione del compleanno di Silvio Berlusconi, ha parlato del patron rossonero, della storia del Diavolo, del Milan attuale e di ciò che avverrà nei prossimi mesi: “Ricordo sempre il primo impatto con Berlusconi, eravamo un gruppo di ragazzi, avevamo dai 18 ai 25 anni, lui ci parlava di sogno. Ci voleva conquistare facendoci sognare di arrivare al top del mondo, noi eravamo ricettivi, ci faceva sognare e quello è stato il segreto

Il nuovo Milan giovane: “E’ un anno e mezzo-due che hanno intrapreso questa strada, devo dire che la apprezzo e la trovo giusta, sta arrivando qualche segnale“.

Le arrabbiature presidenziali: “Non mi ha mai sgridato, mi ha dato qualche consiglio, voleva che lasciassimo le fidanzate, secondo lui ci distraevano“.

Il ricordo più bello legato a Berlusconi: “Sarò sempre molto grado, come regalo di matrimonio mi regalò un weekend a Villa Certosa perché non sapeva cosa farmi come regalo. Andai molto volentieri con Ambrosini e la sua fidanzata. Passammo un weekend meraviglioso, era stato molto gentile. Poi quando mia mamma ebbe un grave problema, mise a disposizione il suo aereo per portarla a guarire. Per quanto riguarda il calcio, l’immagine nostra è quella di Barcellona, lì cambio tutto“.

L’attenzione massima nei dettagli di Berlusconi:”Sapeva qualsiasi cosa dei propri giocatori, lo faceva anche nelle altre aziende, credo che questo fosse il grande vantaggio, non l’ho mai sentito alzare la voce“.

I pochi no incassati in carriera: “Era praticamente impossibile sentirsi dire di no, per lui tutto era possibile, la sua storia sta lì a dimostrarlo. Candidarmi? Non mi ha mai chiesto di candidarsi perché sapeva già la risposta, qualche no comunque lo prese, come quello di Vialli, ci rimase male“.

Considerazioni su Montella: “Credo si avvicini molto a quello che il suo calcio, il calcio di Montella è arrivato quando lui sta abbandonando, è un allenatore che si avvicina molto ai suoi gusti, controllo palla, calcio propositivo“.

Pensiero a Mihajlovic: “A me piaceva, ma è un allenatore che punta più sui risultati che sullo spettacolo”.miha, a me piaceva, ma porta più sui risultati, montella punta più sullo spettacolo“.

Le avventure di Brocchi ed Inzaghi: “Vedeva il gioco che facevano nelle giovanili. La Primavera di Brocchi giocava bene a calcio, poi quando fai un calcio propositivo con giocatori che non sono all’altezza rischi di non fare risultati, ma il suo calcio propositivo lo ha conquistato“.

Yonghong Li

Cessione societaria: “Berlusconi ha valutato molto bene quello che c’è da fare, per lui l’abbandono è una grande sofferenza, ma se ci ha messo così tanto vuol dire che ha messo dei paletti per rendere il Milan migliore“.

Il calcio spettacolo: “Lui preferiva usare la via dello spettacolo, lui voleva che ci fosse dell’altro, vincere giocando bene. Avrebbe preferito farlo con lo spettacolo“.

La difesa degli allenatori: “Credo che abbia difeso più allenatori dei giocatori, lui ha sempre difeso gli allenatori, ricordo quando venne nello spogliatoio di fronte a Sacchi, lui disse che chi non seguiva l’allenatore poteva anche andarsene, lì dimostrò qualcosa di diverso“.

L’attenta scelta dei giocatori: “Era bravissimo a scegliere giocatori e persone, quando sceglieva un giocatore aveva anche deciso che era una bella persona“.

Le conoscenze calcistiche di Berlusconi: “Credo che lui si sopravvaluti, pensa che il calcio lo vede più a tavoliuno che reale, ma non è vero che non capisce di calcio, ma non ho mai pensato che fosse un pazzo“.

Obiettivi per il Milan attuale: “Credo che ci siano cinque squadre più forti di questo Milan, può arrivare a sfiorare la Champions, non ha le qualità per arrivarci ma a volte ci possono essere delle sorprese. La cosa più importante è che qeusto allenatore avvicini la squadra ai tifosi. Ai tifosi manca una bella squadra da guardare, adesso c’è quell’indirizzo, non so se ci arriveranno“.

Futuro come allenatore del Milan: “Non credo, ho abbandonato il pensiero di fare allenatore quando l’ho fatto“.

Auguri in versione doppia: “Tanti auguri a Sheva. E al presidente, voglio ringraziarla per quello che mi ha fatto vivere, la ringrazierò per tuta la vità, mi ha fatto vivere dei momenti eccezionali, mi ha migliorato e mi ha fatto sognare“.

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl