Gol, passaggi, recuperi e lanci: così Locatelli si è preso in mano il gioco del Milan

Gol, passaggi, recuperi e lanci: così Locatelli si è preso in mano il gioco del Milan


La crescita è deducibile non solo in base al coefficiente di fiducia sempre più alto dell’allenatore, ma anche dai dettagli. L’esultanza, per esempio. Tra l’interpretazione di quella col Sassuolo e quella con la Juve c’erano solo 20 giorni di differenza, eppure sono stati due Locatelli decisamente diversi: corsa tardelliana con mani sulla testa dopo il primo, scivolata sull’erba molto stile Champions e sguardo da duro dopo il secondo. Incredulo e poi consapevole, le lacrime e poi gli occhi feroci.

Sono bastate poche partite di campionato per dare a Manuel un’identità forte e soprattutto imprescindibile, diventato l’ombelico del mondo rossonero. Trasformato. Montella lo ha osservato costantemente in allenamento, prima di tentare una delle giocate più difficili della sua carriera: ha capito che poteva essere pronto, nonostante gli ostacoli iniziali. Ma si sa, a volte per fare i gol più belli serve un po’ di sana incoscienza. Fino ad oggi il classe ’98 ha giocato 8 gare di fila, che La Gazzetta dello Sport spacca a metà: le 4 apparizioni iniziali nella ripresa, con un massimo di 33′ in campo, e le 4 tutte da titolare. E se Samp, Lazio, Fiorentina e Sassuolo sono state il rodaggio, con Chievo, Juve, Genoa e Pescara il motore è andato a pieni giri. Un processo di esplosione veloce e misurabile seguendo un paio di numeri specifici: Chievo 51, Juve 49, Genoa 80 e Pescara 84 (il primo della squadra). Sono i tocchi di palla, quasi raddoppiati andando sempre più in là. E ancora: Chievo 46, Juve 35, Genoa 69 e Pescara 68. Sono i passaggi riusciti. E allora si può dire che Locatelli ha imparato a stare al centro del gioco, a partecipare alla manovra, ad accompagnare l’azione. Un regista vero.

locatelli-milan-sassuolo-spaziomilanNella testa rimangono le prodezze scagliate nella porta di Consigli e Buffon a San Siro, ma in generale non si possono aspettare o peggio pretendere prodezze ogni 2 per 3. Ci vuole equilibrio nel percorso di gestione, anche mediatica. L’ex Primavera sta recuperando e lanciando più palloni. E ovviamente il maggior coinvolgimento nel calcio montelliano dipende pure dai compagni: in questo senso non c’è niente di male ad ammettere che agli esordi si notava che qualcuno preferiva passargli oltre, ci stava ma adesso non più. Dall’impatto a Marassi (Samp) sullo 0-0 alla scena da protagonista, dagli errori alle prodezze decisive, è passato un mese e mezzo, nel quale è stato subito capace di colmare l’assenza di Montolivo. La strada è spianata, al Milan come in azzurro (ancora in Under-19).

Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy