GaSport: il Milan in 10 dà il massimo, ma forse è meglio andare in "analisi". Bacca-gol e corpo estraneo

GaSport: il Milan in 10 dà il massimo, ma forse è meglio andare in “analisi”. Bacca-gol e corpo estraneo

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Tremenda vendetta, la definisce così La Gazzetta dello Sport. La Juve, nei quarti di Coppa Italia, ha risposto alla botta subita dal Milan nella finale della Supercoppa a Doha. Forse, a bilanciarle, non sarebbe proprio pari e patta, e poi rimane ancora da restituire il ko del campionato dopo lo 0-1 di San Siro, in attesa del ritorno allo Stadium. La squadra di Allegri ha dato il meglio di sé perché si è trovato il modo, da testare in Europa, di far convivere i più bravi della classe: 4 attaccanti insieme e dall’inizio, senza perdere l’equilibrio.

Però i bianconeri sono durati un tempo, poi hanno lasciato perplessi nella ripresa e permesso ai rossoneri di rimanere in gara – in 10 per mezzora abbondante – fino al termine. Nei 45’ iniziali, però, il gruppo di Montella ha perso tutto quello che c’era da perdere: parità numerica, duelli individuali, capacità di rovesciare il fronte. I gol presi sono arrivati così ed è indicativo. La “Vecchia Signora” ha concesso il possesso palla ai milanisti (68 a 32 all’intervallo, 58 a 42 in generale), che però non hanno quasi mai punto, rimanendo in sordina sotto forma di fraseggio orizzontale e prevedibile. Impressionante, scrive GaSport, lo scollegamento fra Bacca e i compagni. Non c’era storia, anzi enorme divario. Il Diavolo, forse, dovrebbe andare a fare un giro dallo psicanalista, perché se per rianimarlo sono necessari due schiaffoni qualcosa non torna: Torino, Napoli e Juve, più o meno lo stesso copione shock in avvio.

Un masochismo di fondo che ha pervaso la formazione dell’Aeroplanino, lo stesso che ha portato Locatelli a lasciarsi andare in un paio di scivolate appariscenti e che gli sono costate l’espulsione (doppio giallo) appena dopo il bel gol di Bacca. Carlos, comunque, rimane un corpo abbastanza estraneo alla manovra e non si capisce dove finiscano le colpe della squadra e dove partano le responsabilità dell’attaccante. In 10 contro 11 si è fatto il massimo, tanto che Allegri ha tolto Dybala per Alex Sandro e cambiato modulo. Da segnalare l’ottimo esordio del nuovo Deulofeu.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy