Bianchessi: “Donnarumma? Ricordo ancora le lacrime di gioia alla firma con il Milan, all’Inter non voleva andare”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Mauro Bianchessi, intervistato dai colleghi di Sky Sport, ha rivelato alcuni retroscena su Gianluigi Donnarumma.

Dalla prima volta che fu osservato in azione fino alla firma con il Diavolo, ecco le dichiarazioni dell’intervistato: “Siamo andati giù vicino a Castellammare di Stabia a vederlo giocare in un campetto di un’altro tempo, lì ci ha impressionato. Alle 7 in aeroporto a Napoli ho chiamato il signor Galliani per dirgli che avevo bisogno di vederlo il mattino dopo: alle 9 eravamo in sede, gli ho dato la relazione e gli ho detto ‘se questo va all’Inter, io devo cambiare mestiere, ma lei deve chiudere il settore giovanile’. Ha letto la relazione, mi ha guardato e mi fa: ‘Ma lei cosa fa ancora qui? Vada giù e non torni se non mi porta il ragazzo. Da lì siam partiti e dopo 8 ore di dura trattativa con il genitore, molto vicino ad un’altra squadra, ce lo siamo portato a casa. E siamo felici di averlo fatto. Ce n’erano tante di squadre su di lui, l’Inter era in quel momento in pole position: mancava veramente poco. 14 mesi dopo che l’ho visto da Castellammare di Stabia era all’Allianz Arena a guidare la difesa del Milan“.

E ancora: “Quando gli ho detto che sarebbe andato al Milan si è commosso, mi ha abbracciato e mi ha detto che lui era milanista, all’Inter non ci voleva andare ed era felice perchè avevo convinto il papà di portarlo al Milan, ed io ero più contento di lui – chiude Bianchessi – Poi la mamma, da buona cuoca napoletana, ci preparò un pranzetto incredibile che rimane nella storia. Non diventare troppo alto Gigio…Altrimenti non ci stai in porta“.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook