Martorelli: “Non sono stupito dal mancato rinnovo di Donnarumma. La sua famiglia nel 2013…”

Donnarumma
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Giocondo Martorelli, procuratore ed ex agente di Bonaventura, ha parlato di Donnarumma: “Probabilmente risulterò antipatico a chi ci ascolta, ma ero tra i pochissimi ad aver paventato questo risultato. Probabilmente vi saranno degli spiragli, anche se dopo le parole di Fassone mi sembra difficile; però, conoscendo le varie situazioni, al Milan in precedenza ma anche dopo, non è una sorpresa che Donnarumma non prolunghi il contratto col Milan. È un problema che andrebbe rivisitato dall’inizio, per capire chi era il responsabile dall’inizio, perché è arrivato a questa situazione a un anno dalla scadenza. Conosco tutti, la famiglia, i parenti, ogni angolo della casa. Ci sono cose che mi stupiscono: quotidiani sportivi importantissimi e altre televisioni hanno sempre fatto finta di ignorare quello che c’è dietro e che c’era anche prima. Alcuni fanno orecchie da mercante. La storia di Donnarumma è complessa e particolare: questo è il risultato finale di comportamenti non corretti sin dall’inizio”.

“Non voglio mancare di rispetto a nessuno, però in questo contesto, quello di un ragazzo di 18 anni che è sotto la lente d’ingrandimento del calcio europeo, un milione e mezzo di euro non cambia la vita. Oltretutto, il contratto scadrebbe a 23 anni, quando 9 calciatori su 10 iniziano davvero la propria carriera. Io credo che un minimo di gratitudine e riconoscenza alla società che ti ha lanciato sia dovuta. È in una delle squadre più forti al mondo, non voler continuare mi lascia perplesso. Io ho una mia convinzione e non la posso esporre perché andrei incontro a cose antipatiche”.

“La famiglia? Ho detto una cosa concreta prima. C’è la risposta: la famiglia il giorno x del 2013 ha firmato per l’Inter. È tornata a Napoli, la mattina seguente hanno preso un aereo e hanno firmato per il Milan. Quello che avevano firmato il giorno prima non è valso nulla. Cosa devo dire di più? Mi stupisce che alcuni giornalisti ignorino o facciano finta di non ascoltare“, conclude Martorelli.