L'Europa che aiuta a sperimentare

L’Europa che aiuta a sperimentare

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Se l’Europa League diventerà un obiettivo primario di questo Milan lo capiremo solo la prossima primavera. Vincenzo Montella farà i conti della benzina rimasta nelle gambe dei suoi ragazzi, valuterà la posizione della classifica, il calendario e doserà i carichi (fisici e psicologici). Per qualcuno quella “coppetta” è diventata la manna dal cielo, ad esempio per il Manchester United di José Mourinho che l’anno scorso riuscì a tornare in Champions League proprio virando tutto sulla vecchia Uefa vinta in finale con l’Ajax.

Oggi, però, l’Europa League porta in dote una considerazione e un beneficio. La prima riguarda la fondamentale importanza di avere una rosa abbondante. A differenza della Champions, la seconda competizione continentale richiede un organico un po’ più ampio, che possa permettere di affrontare impegni sulla carta più “facili” offrendo occasioni importanti a chi gioca meno e facendo rifiatare i titolarissimi. Montella lo sa bene, visto che con la Fiorentina questa coppa se l’è giocata fino alla semifinale non più di tardi di due anni fa. Il girone del Milan è più che alla portata e consente proprio di far girare al meglio i ragazzi.

A Vienna, ad esempio, è nata l’idea di Suso accanto alla punta, Kalinic nel caso di ieri. Non solo. Sempre giovedì scorso in Europa League abbiamo visto all’opera, per uno scampolo di partita, Bonaventura, Calhanoglu e Suso insieme. E’ il beneficio di poter sperimentare e testare le migliori soluzioni, talvolta applicabili con piccole squadre anche in Serie A, talvolta come mossa spacca-partita anche nelle gare più ostiche. Fino alla trasferta austriaca il Milan aveva cambiato poca pelle. Dal match con l’Austria Vienna è cambiato un po’ questo concetto, obbligato dagli impegni ormai serrati come quello di dopodomani ancora a San Siro, contro la Spal. La strada è giusta. Non montiamo, quindi, casi sulla panchina di André Silva ieri dopo la tripletta in Europa. Né tanto meno è il caso di considerare Cutrone già relegato in seconda fila. Finora ha avuto ragione il Mister. Il primo a dargliela, ieri, è stato Kalinic che non si è portato a casa il pallone solo per colpa del (della) Var. 

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy