Storia di un ex, Giuseppe Incocciati: L’eroe della promozione

INCOCCIATI
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Numero 10 mancino, cresciuto nel vivaio rossonero, il fiuggino Giuseppe Incocciati incide il suo nome nelle pagine non certo più esaltanti della storia del Milan: quelle della retrocessione in serie B.

Dopo l’esordio nel 1981, è proprio in cadetteria che “Beppe”, divenuto nel frattempo titolare della squadra di Castagner, fornisce le sue migliori prestazioni, contribuendo in maniera decisiva alla promozione in Serie A.

Non è mai stato un goleador di razza e, infatti, in 96 partite ufficiali in rossonero segna appena 9 gol, la maggior parte dei quali in seconda divisione.

Lasciato Milanello all’alba dell’epopea berlusconiana, inizia il suo tour personale tra Ascoli, Atalanta, Empoli, Pisa, Bologna e Napoli. Con la maglia dei partenopei segna, peraltro, il gol della bandiera in un Milan-Napoli 4-1 del 1991.

Appesi gli scarpini al chiodo, si dedica, prima, a fare l’allenatore, in particolare di Avellino, Cisco Roma e Martina Franca e, poi, il commentatore, per Tv nazionali e locali.