Verona: Cerci, Verde e Pazzini potenziali pericoli, interdizione e coppia centrale da rivedere

Verona: Cerci, Verde e Pazzini potenziali pericoli, interdizione e coppia centrale da rivedere

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il Verona di Fabio Pecchia, avversario del Milan in occasione del lunch match della diciassettesima giornata di campionato, è una squadra in grado di risultare ostica e pericolosa. Malgrado occupino la penultima posizione della classifica, con soltanto dieci punti all’attivo, gli scaligeri, quando la mettono sulla grinta, sulla fisicità e sull’intensità, sanno dire la loro e offrire buone prestazioni.

Punti di forza: Cerci, Verde e Pazzini.
Sulle corsie laterali, il Verona può contare su Cáceres e Romulo, esterni che stanno attraversando un buon periodo di forma, dispongono di grande esperienza e alternano al meglio le due fasi, e su Alessio Cerci che, pur figurando come prima punta, dovrebbe partire dalla fascia. L’ex ala rossonera è infatti tornata a esprimersi su discreti livelli e, in presenza di spazi, può quindi mettere in circolo rapidità, resistenza e doti da contropiedista e da uomo assist. Il tutto mentre Pazzini, nonostante oggi non parta dal primo minuto, è un centravanti bravo a finalizzare le poche palle gol a sua disposizione, nonché una spina nel fianco di tutto rispetto, per i difensori avversari. Infine, la compagine allenata da Rino Gattuso dovrà prestare attenzione anche a Verde, fantasista veloce, tecnico e capace di creare superiorità numerica.

Punti deboli: l’interdizione; la coppia centrale.
In mediana, al Verona, manca quell’interdizione necessaria per vincere gli scontri nella zona nevralgica del terreno di gioco e per svolgere un’efficace fase di non possesso. Soltanto uno dei due centrali di centrocampo, infatti, è un incontrista. Di conseguenza, sul lungo andare, i gialloblù, che al momento hanno subito 32 gol in 16 partite, rischiano di concedere spazi tra le linee e di esporre la coppia centrale, che fatica a rendere con continuità e che evidenzia problemi relativi al senso del gioco e al mantenimento della concentrazione, a numerosi rischi.

Giocatore chiave: Alessio Cerci.
Esterno d’attacco incline al dribbling e all’azione personale e capace di rappresentare il fulcro del gioco degli uomini di Pecchia, qualora stesse davvero bene, Cerci, con la sua voglia di rivalsa, con la sua intraprendenza e con la sua corsa, potrebbe essere l’asso nella manica e la mina vagante dei veneti.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy