Inserimenti, qualità e corsa: il centrocampo è risorto?