André Silva, parla l'ex allenatore: "Il Milan deve dargli fiducia, è un buon investimento per il futuro"

André Silva, parla l’ex allenatore: “Il Milan deve dargli fiducia, è un buon investimento per il futuro”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Domenica sera, a Marassi, per la prima volta nel campionato in corso, André Silva è riuscito a prendersi il Milan. Sul campo del Genoa, dopo numerose prove opache, l’attaccante portoghese è infatti riuscito a sbloccarsi, segnando una rete di fondamentale importanza per la stagione dei rossoneri, che erano chiamati a riscattare la sconfitta contro l’Arsenal e a proseguire la loro corsa verso un posto in Europa. Ma non finisce qui. Dopo la rete realizzata al Ferraris, Gattuso potrebbe decidere di dare ulteriore fiducia alla prima punta lusitana.

E’ questo quello che si augura l’ex allenatore dell’attuale numero nove del Diavolo, José Peseiro, intervistato dalla Gazzetta dello Sport: “André ha solo 22 anni ed è stato pagato 38 milioni di euro, non è facile arrivare e imporsi subito in un campionato come quello italiano, dove è più difficile segnare, rispetto a Spagna, Francia e anche rispetto all’Inghilterra. Inoltre, il Milan, ancora oggi, non è al livello di Juve o Napoli, quindi, le difficoltà possono aumentare. Le sue caratteristiche migliori sono la verticalizzazione, la determinazione, l’intensità, la resistenza e anche la volontà di recuperare palloni in fase difensiva. Deve invece migliorare nella capacità di decidere in pochi istanti cosa fare e meglio ancora fare la scelta giusta al momento giusto. Senza dubbio, se fossi nel Milan, continuerei ad avere fiducia in lui, è un buon investimento per il futuro. Bisogna avere pazienza, pazienza, pazienza e altri gol arriveranno”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy