Premium, Maldini: "Futuro? Nazionale-Milan, ma ci sono ancora troppi punti di domanda..."

Premium, Maldini: “Futuro? Nazionale-Milan, ma ci sono ancora troppi punti di domanda…”


Queste le dichiarazioni rilasciate da Paolo Maldini, nel giorno del suo cinquantesimo compleanno, ai microfoni di Premium Sport:

Sulla sua vita: “Ho una vita felice e movimentata anche senza calcio, mi sono abituato quasi subito alla nuova vita. Per 25 anni mi sono goduto un periodo unico, ora ho più tempo per me e la mia famiglia che da sempre è fondamentale per me. Seguo i miei figli nel calcio ma niente paragoni, mia moglie è come la mia stampella“.

Sui suoi 10 anni: “Ricordo il primo provino per il Milan, ai tempi non potevano essere presi ragazzi sotto i dieci anni. Era a Linate, fui preso quasi subito“.

Sui 20 anni: “Il primo scudetto rossonero, l’inizio di una cavalcata incredibile con Sacchi“.

Sui 30 anni: “Ero ai Mondiali in Francia, non ho mai avuto fortuna nei campionati del mondo: sempre eliminato ai rigori o al golden gol. Per mia mamma fu una sofferenza: io capitano, mio padre allenatore“.

Sui 40 anni: “Col Milan avevamo chiuso una rincorsa nel ritornare ad alti livelli, la rivincita con Liverpool e Boca Juniors aveva portato Champions League e Mondiale per club. Avevo già detto alla società che sarebbe stato il mio ultimo anno“.

Su Sacchi: “Dove tutto è partito. Senza Arrigo non ci sarebbero stati 20 anni di grande Milan“.

Su Capello: “I record parlano chiaro. La formazione 1991-92 credo sia stata la migliore di tutte“.

Su Ancelotti: “Naif. Ci ha cambiato mentalità, è quello in cui mi sono divertito di più“.

Sull’addio durante Fiorentina-Milan del 2009: “Sentii il grande affetto del popolo viola ma di tutto quello italiano, diventi un calciatore ‘di tutti’ quando giochi così tanto in Nazionale e per come ti comporti in campo“.

Sul calcio di oggi: “Nel calcio di oggi si gioca meno in verticale, c’è più possesso palla. E infatti chi fa la differenza è chi vede gioco, chi cerca il dribbling: va tutelato anche se sbaglia di più. Cristiano Ronaldo grande bomber, si è trasformato nel corso della carriera ma io scelgo sempre Messi: fa cose difficili anche solo da pensare“.

Sul Milan: “Sono contento per Gattuso, ha fatto bene anche se gli obiettivi di inizio stagione sono stati ridimensionati. Vediamo cosa succederà, ci sono tanti punti di domanda“.

Sulla Nazionale italiana: “Il mancato Mondiale non dipende solo dal playoff perso con la Svezia, c’entra anche la gestione della Figc negli ultimi 4 anni: dicevo che il calcio era poco al centro del progetto, ecco i risultati. Per me la Nazionale era il massimo, rappresenti tutti“.

Sul suo futuro: “Ho poche scelte, vista la mia carriera: o Milan o Nazionale. Non è detto che debba per forza rientrare nel calcio. Certo, per i colori rossoneri le porte sono sempre aperte: per ora non ho ancora trovato le condizioni ideali per dire di sì“.




Chi Siamo

Spazio Milan è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sull'AC Milan, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Direttore editoriale "SpazioMilan.it": Christian Pradelli

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da AC Milan

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl