Bonucci e Suso non hanno chiesto la cessione, ma pretendono chiarezza. Il mercato vicino allo "sblocco?"

Bonucci e Suso non hanno chiesto la cessione, ma pretendono chiarezza. Il mercato vicino allo “sblocco?”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Terremoto in casa Milan. Apparente. Leonardo Bonucci e Suso avrebbero chiesto la cessione secondo alcuni rumors. Ma non è proprio così. Nell’incontro con Mirabelli e Fassone Lucci ha chiesto chiarezza per i suoi assistiti che, con un progetto ambizioso e lungimirante, rimarrebbero molto volentieri a Milano.

Quel progetto invocato e promesso dallo stesso Fassone l’anno scorso. Purtroppo la situazione sembra non essere chiara neanche allo stesso amministratore delegato: bisognerà attendere la famosa assemblea del 21 luglio. Fino ad allora il Milan potrebbe continuare con il deficit del mercato bloccato. Situazione che sta irritando particolarmente giocatori e agenti. Altra data fondamentale sul calendario è quella di giovedi 19: il TAS di Losanna riceverà la delegazione rossonera e si esprimerà definitivamente sulla probabile esclusione dall’Europa del club di Via Aldo Rossi. Anche questo fattore cambierà in meglio o in peggio le prospettive di mercato.

COSA POTREBBE SUCCEDERE DAL 21 – Il Milan avrà un nuovo management scelto da Elliott (non è assolutamente detto che il fondo americano non confermi grande parte della vecchia dirigenza). Così potrà partire finalmente il mercato in uscita: Gustavo Gomez, Locatelli e Kalinic dovrebbero essere i primi a salutare. Poi i rossoneri si muoveranno in entrata iniziando a coltivare seriamente il sogno del grande colpo in attacco. Da Morata a Immobile, fino a Falcao. Il tifo milanista potrà tornare a sognare.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy