GaSport, Yonghong Li e quell'ultima carta da giocarsi