Milan, 13 gennaio: undici anni dopo l'esordio di un fenomeno che mai fu

Milan, 13 gennaio: undici anni dopo l’esordio di un fenomeno che mai fu

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Paquetá

13 Gennaio 2008.
Stadio San Siro, Milano.
Milan – Napoli.
Sembra il preludio di una normalissima serata calcistica meneghina e invece si tratta della storia di un predestinato.
Si perché ‘predestinato’ è sicuramente la parola più adatta per uno come Alexandre Pato.
Un ragazzo che a 16 anni segna al debutto con la maglia dell’Internacional di Porto Alegre e poi anche con quelle del Brasile Under 18 e Under 20.
Un ragazzo che segna da esordiente al Mondiale per club e diventa il più giovane marcatore della storia della competizione, battendo il record di un certo Pelè e diventando campione del mondo contro il Barça di Ronaldinho.

“Pato era già un potenziale campione a 16 anni, al tempo delle giovanili. Si vedeva che era “diverso”. Lui doveva imparare ancora quasi tutto. Ma aveva colpi. Ha forza fisica, di testa è bravo, ha personalità”.
[Paulo Roberto Falcão]

Sì, la parola più adatta è davvero “predestinato”.
Quella sera Alexandre non sfuggirà al suo destino, in mezzo alle tante stelle rossonere brillerà anche la sua e arriverà anche il gol al debutto in Serie A.
Del resto, non c’è da stupirsi se stiamo parlando di uno che a 20 anni segna una doppietta al Bernabéu contro i Galacticos e a cui servono meno di 30 secondi per infilzare la rete del Barça dei record.
E poi? Cosa è successo?
A noi comuni mortali probabilmente non è dato saperlo. Dicono sia stata colpa di Milan Lab, dicono che fosse troppo fragile, dicono un sacco di cose che però non servono a spiegare a tutti noi come sia possibile che uno con questo talento non abbia vinto nemmeno un pallone d’oro a quasi 30 anni.
Perché quella sera a San Siro era nato qualcosa di veramente speciale.
Quella sera a San Siro era arrivato un fenomeno, un fenomeno che mai fu.

13 Gennaio 2018.
Stadio Luigi Ferraris, Genova.
Da pochi giorni al Milan è arrivato un giovane brasiliano dal Flamengo, tra i più promettenti di tutto il Brasileirao e già pronto a debuttare: Lucas Paquetá.
L’ex rubronegro viene continuamente paragonato a Kakà ma in realtà le sue caratteristiche sono completamente differenti e ieri sera ci ha dato un assaggio di ciò che è realmente.
Palleggio, dribbling, fisicità e intelligenza tattica. Una prestazione da 6 in pagella, non male considerando che il ragazzo è appena arrivato dal Brasile e si allena coi compagni da pochi giorni.
Luci al Ferraris, prossima destinazione Arabia Saudita.

Parabéns, Lucas!

Fabio Perfetti
Dribbling, il futbol sudamericano

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy