Milan, tra mezz’ala ed esterno offensivo: il punto

In questa finestra di mercato il Milan è la squadra ad aver investito di più in Italia ma è anche tra le prime in Europa. 35 milioni più bonus tanto per Paquetá quanto per Piatek.

“Ora dobbiamo capire se potremo fare altro” con queste parole Leonardo lascia qualche spiraglio aperto per delle potenziali altre operazioni in entrata. Per la mezz’ala che era uno degli obiettivi principali di inizio mercato, forse si potrà aspettare l’estate visto il rientro imminente di Biglia e l’ottimo impatto di Paquetá. La priorità è diventata quindi l‘esterno d’attacco, possibilmente un giocatore che unisca agli assist anche qualche gol. I nomi accostati ai rossoneri sono quelli di Groeneveld, Bergwejin e Carrasco. Tutti difficili in quanto il primo è reduce da un infortunio, il secondo difficilmente partirà a gennaio e Carrasco percepisce 10 milioni all’anno, troppi per il Milan.

LEGGI ANCHE:  Milan da horror: peggior difesa del 2023, il dato

Sette giorni al termine del mercato, sette giorni per capire se l’esterno sarà uno di questi tre o un nome ancora mai uscito.

Sei qui: Home » Calciomercato Milan » Milan, tra mezz’ala ed esterno offensivo: il punto