Ripartiamo da Pipita e Gigio, con un Fabregas in più