La rivoluzione di Pioli: stop ai ritiri. Stasera in 50mila a San Siro: dentro Rebic?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Pranzo e colazione insieme, niente cellulare a tavola. E’ la ricetta per fare gruppo secondo Stefano Pioli che ha abolito il pernottamento a Milanello in occasione delle gare interne, come quella di stasera a San Siro contro il Lecce. Il neo allenatore rossonero, come racconta il Corriere della Sera, ha scelto questa linea per responsabilizzare i suoi ragazzi: “Bisogna essere professionisti sempre, ogni istante”.

Nonostante l’hashtag #PioliOut che aveva accolto l’arrivo del nuovo tecnico rossonero, i tifosi del Milan si stringeranno ancora una volta intorno alla squadra. Come spiega La Gazzetta dello Sport, la prevendita dei biglietti per la partita di stasera contro il Lecce è andata bene: si stima che ci saranno almeno cinquantamila spettatori, compresi i 2.700 sostenitori salentini.

Solo questa mattina, al termine della rifinitura bis, Pioli comunicherà la sua prima formazione da tecnico del Milan. La sensazione, secondo il Corriere dello Sport, è che il croato Rebic, ad esempio, esordirà da titolare dopo tre apparizioni con Giampaolo. L’obiettivo è non creare una rivoluzione, ma tentare di ottimizzare un organico non di prima fascia, ma senz’altro in grado di arrivare almeno in Europa League.

C’è una statistica che non rende sereni i tifosi del Milan: Stefano Pioli ai suoi esordi non ha mai vinto. Fin dai tempi in cui allenava il Bologna: alla prima del 10 settembre 2006 finì 1-1 contro il Parma. Come ricorda Tuttosport, accadde anche con l’Inter, tre anni fa, quando diventò allenatore dei nerazzurri alla sosta di novembre: la prima gara fu il derby pareggiato 2-2. Perse anche ad agosto 2017 a San Siro contro l’Inter, alla prima sulla panchina della Fiorentina.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook