GdS - Cellino: "Pronti a perdere a tavolino, la stagione non ha più senso"

GdS – Cellino: “Pronti a perdere a tavolino, la stagione non ha più senso”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

A valanga. Il Presidente del Brescia Massimo Cellino si è scagliato contro il mondo del calcio, intento a riprendere l’attività. Lo ha fatto in una intervista concessa alla Gazzetta dello Sport. Lo ha fatto, senza mezzi termini.

Cellino: “Sono arroganti e irresponsabili: pensano solo ai loro interessi economici e alle Coppe”

Queste le sue parole, in merito alla ripresa del Campionato: “Questa stagione non ha più senso. Ci siamo fermati, nessuna squadra tornerà come prima. Stadi a porte chiuse e rischio per la salute degli atleti. Per me tornare all’attività è una pura follia. Se ci costringono sono disposto a non schierare la squadra e perdere le partite 3-0 a tavolino per rispetto dei cittadini di Brescia e dei loro cari che non ci sono più”.

Lo stesso Cellino, ha commentato così le scadenze relative alla stagione: “Non si può far slittare nulla, la stagione si chiude il 30 giugno. Sono arroganti e irresponsabili: pensano solo ai loro interessi economici e alle Coppe. Sul campionato italiano non decide l’UEFA, decide l’Italia. Per riprendere la A dovrà terminare entro il 30 giugno. La UEFA ha anche il potere di allungare le giornate e farle diventare di 72 ore? Se vuole fare qualcosa di utile l’UEFA mandasse a Brescia bombole di ossigeno e respiratori, gliene saremmo grati”.

Nessuno sconto neanche per Lotito: “Mi ha urlato che non volevo giocare per salvarmi. Da che pulpito, lui che pensa di vincerelo Scudetto. A me di retrocedere non frega nulla: finora ce lo siamo meritato e anche io ho le mie colpe. Faccio un discorso generale”.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy