GdS - Il Diavolo punta Kabak e Lovato per gennaio. Obiettivi Szoboszlai e Thuram per la prossima estate

GdS – Il Diavolo punta Kabak e Lovato per gennaio. Obiettivi Szoboszlai e Thuram per la prossima estate

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Matteo Lovato

Vista la rosa attuale del Milan, appare facile prevedere quali saranno effettivamente le prossime mosse rossonero nella sessione di calciomercato invernale che man mano si avvicina. Già in estate il Milan ha provato a rinforzare la retroguardia senza riuscirci, provando ad acquistare un nuovo centrale di difesa. Ruolo che, però, potrebbe trovare un nuovo interprete nel prossimo mese di gennaio.

Infatti, secondo la Gazzetta dello Sport, il Milan sarebbe seriamente intenzionato a portarsi a casa un gioiello classe 2000 per il centro della difesa, colpo per il presente e il futuro rossonero. Sono due i nomi in lista: il già cercato Ozan Kabak, turco dello Schalke 04, e il nuovo talento Matteo Lovato, dell’Hellas Verona, le cui valutazioni oscillano intorno ai 20 milioni di euro per entrambi.

Ma il mercato rossonero non si limita solo alla difesa, anzi: rispunta un vecchio obiettivo per rinforzare il centrocampo mentre prende sempre più piede una nuova ipotesi per l’attacco. Rispettivamente: il giovane ungherese, anch’egli classe 2000, Dominik Szoboszlai del Red Bull Salisburgo; il sempre più promettente Marcus Thuram, francese classe 1997, figlio dell’ex difensore Lilian che ha giocato per in Italia per Parma e Juventus, oggi in forze al Borussia Moenchengladbach. Entrambi, però, costano rispettivamente circa 25 e 30 milioni di euro, sarebbero due obiettivi da perseguire soprattutto in ottica qualificazione alla prossima Champions League.

CONOSCI SPAZIOMILAN?

SpazioMilan è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioInter.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy