Pioli in conferenza: “Mi aspettavo questa prestazione. La squadra c’è e puntiamo alla Champions. Recupero infortuni? Speriamo”

Pioli
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Mister Pioli in conferenza stampa post partita. Le sue parole sulla prestazione del Milan: “mi aspettavo una prestazione del genere con questa determinazione, con questa convinzione e con questa forza perchè conosco le qualità dei miei giocatori. Non eravamo usciti soddisfatti dalla nostra ultima prestazione contro l’ Udinese e quindi al di la delle assenze la squadra ha dimostrato di avere idee, qualità e una forza mentale per la nostra crescita”.

Quanto vale questa vittoria: “questo significa tanto nella nostra crescita. Significa superare degli ostacoli e dei momenti delicati. Chiaro che trovarsi senza 7/8 giocatori diventa un momento particolare e delicato ma significa che la squadra, anche dalle situazioni negative, si sta creando una mentalità importante, di convinzione, di forza, di reazione. Giochiamo ogni 3 giorni da settembre per una squadra giovane come la nostra, ci sta avere degli alti e bassi. Ciò non toglie che lo spirito, volontà e determinazione non sono mai venute meno”.

Lo scudetto può ancora essere un obiettivo?:questo Milan non deve inseguire nessuno ma concentrarsi sulle proprie prestazioni. Il nostre obiettivo era chiaro e lo è ancora nella nostra testa. Non è cambiato. Vogliamo migliorare la posizione dell’ anno scorso e riportare il Milan in Champions. Sarà molto difficile perchè gli avversari sono molto forti. Noi siamo cresciuti tanto perchè abbiamo tantissimi punti in più rispetto all’ anno scorso ma sarà ancora difficile e molto impegnativa fino al 23 maggio. Adesso con molta soddisfazione ci ributtiamo in Europa League. Un match difficile e stimolante”.

Come sta Ibra e gli altri infortunati:Ibra sta meglio. Per quello che sta facendo è difficile sentire fastidi perchè si tratta dell’ adduttore. Domani farà un altro esame per valutare meglio e speriamo di recuperare qualche giocatore soprattutto Theo e Rebic che non hanno problemi muscolari ma problemi per traumi contusivi. Gli impegni che ci aspettano sono difficile e importanti”.