ESCLUSIVA SM – Pellegatti: “Ibrahimovic era da giallo. Romagnoli? Non c’è di meglio a quelle cifre”

pellegatti
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Carlo Pellegati, noto giornalista tifoso del Milan, ha parlato in esclusiva ai microfoni di SpazioMilan.it. Queste tutte le sue dichiarazioni.

Sull’assenza di Ibrahimovic contro il Genoa: “Il Milan ha giocato sette volte con la coppia Ibra e Rebic, ha vinto sei volte. Dunque, la sua assenza peserà. Contro il Parma l’arbitro doveva estrarre il cartellino giallo, esagerata l’espulsione.

Sulla stagione del Milan: “Ero curioso di vedere quello che avrebbero fatto i rossoneri dopo aver visto il Milan di Giugno, Luglio e Agosto. Ho sperato anche io nello scudetto, perché ho visto continuità e autostima. Peccato per la parentesi triste di inizio anno, in particolare pesano le gare contro Spezia e Inter.

Su Pioli: “Indubbiamente Pioli sta dimostrando di poter essere l’allenatore del futuro. Adesso ci aspettiamo un ulteriore miglioramento nella prossima stagione”.

Sulla società: “Per me è stata molto gratificante la partnership con BMW, una casa automobilistica molto importante. Maldini? Sempre più grande la sua impronta per il futuro del Milan”.

Sui rinnovi: “Per Ibra manca soltanto la firma. Donnarumma e Calhanoglu da gennaio sono già liberi di trovare un’altra squadra. Credo che la soluzione verrà presa in esame il 24 maggio. Il Milan non vuole mettere pressione ai suoi giocatori in questa fase delicata della stagione. Per Kessiè si vedrà in futuro, mentre per Romagnoli non è facilissimo. Il capitano vorrebbe un aumento dell’attuale ingaggio, vedremo quello che succederà”.

Sulle critiche a Romagnoli: “Per me possono dire quello che vogliono. Trovare un’alternativa con il piede sinistro a prezzi accessibili è difficilissimo. Il prossimo anno sarei contento di avere in rosa: Kjaer, Romagnoli, Tomori e Gabbia”.

Su Gabbia: “I tifosi vorrebbero Lovato, ma voglio ricordare che spesso è Gabbia il titolare dell’Under 21. Non è un fenomeno, ma quando lo vedo in campo non mi fascio la testa. A Parma è entrato con grande autorevolezza”.

Sul mercato estivo: “Vlahovic costa 40 milioni, non penso arrivi al Milan. Stesso discorso per Belotti. Si valuterà Mandzukic, ma dipenderà dal suo rendimento in queste ultime otto gare. Ricordiamoci che il Milan, qualora dovesse riscattare Tomori e Tonali, dovrà investire 50 milioni in estate”.