Shevchenko: “Presto allenerò in Italia, che ricordi San Siro e il rigore di Manchester!”

KYIV, UKRAINE - MARCH 28, 2021: coach Andriy Shevchenko. The football match of Qualifying round Group D of World Cup 2022 Ukraine vs Finland Copyright: xVitaliixKliuievx
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Andriy Shevchenko ha rilasciato una lunga intervista a Tutti Convocati. L’ex attaccante del Milan ha parlato a lungo della sua avventura con i rossoneri e delle sue speranze per il futuro:

Il Milan aveva come obiettivo quello di arrivare in Champions quest’anno e può ancora farcela, deve crederci. Con Lobanovskij ho imparato il calcio, aveva una grande disciplina, e mi ha permesso di arrivare al Milan che da subito ho capito essere una grande squadra con tifosi fantastici. Giocare a San Siro con la maglia rossonera era il massimo. Berlusconi ha sempre creduto in me e mi ha aiutato quando mio padre stava male.

Sono contro la Superlega, una formula che avrebbe ucciso il calcio. Sono invece ancora legato al Milan: ho visto Galliani qualche giorno fa e mi interessa solo la sua salute. Il ricordo di Manchester è unico: non ho sentito il fischio dell’arbitro, tanto ero concentrato per battere il rigore. Il futuro? Con l’Ucraina è stato difficile, i risultati sono arrivati dopo due anni con la Federazione che ha continuato a credere in me. Quando finirò la mia avventura mi piacerebbe allenare in Italia, in un club, magari dopo gli Europei.